Caricamento in corso...
20 ottobre 2008

Gianni Berengo Gardin: un talento da Oscar

print-icon
Gia

Gianni Berengo Gardin - Gran Bretagna 1977

Il grande maestro della fotografia italiana conquista New York e porta a casa il premio Lucie Award alla carriera. In mostra dal 24 ottobre ad Arezzo. Guarda la fotogallery

di Barbara Ferrara

Gianni Berengo Gardin inizia a fotografare nel 1954 e da allora non ha mai smesso. Mezzo secolo di storia, vissuta e raccontata attraverso immagini-documento lontane dai riflettori e vicine alla gente comune.
I suoi primi reportage vengono pubblicati sulle principali testate italiane e straniere, da Epoca a Le Figaro, dal Time ad Harper’s. Annoverato tra i “32 World’s Top Photographers” nel 1972, oggi, a trentasei anni di distanza, ritira il prestigioso Lucie Award, il premio fotografico più importante al mondo che nel 2003 fu di Henri Cartier Bresson.


A Berengo Gardin non piace esser chiamato artista. La sua vocazione e la sua umiltà sono più vicine a quelle di un cronista che racconta e dà voce alle storie della gente normale. Le sue opere trasmettono il grande impegno sociale e civile. Quello di Berengo Gardin è un talento straordinario senza pretese, come il suo suo sguardo, rispettoso e discreto. Delicato si avvicina alla realtà più cruda e in punta di piedi lascia tracce profonde, spesso indelebili.


Lunedi 20 ottobre l’America lo celebra tra le luci della ribalta e il 24 ottobre a rendere omaggio ai suoi cinquant’anni di carriera sarà la mostra organizzata da Mercurio Promozioni in collaborazione con Contrasto. Una selezione di circa cinquanta immagini scelte tra le sue più famose e rappresentative.
L’appuntamento è a Palazzo Pichi Sforza (San Sepolcro, provincia di Arezzo) fino all’otto dicembre. Da non perdere.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky