24 agosto 2011

Vade retro Botox: la crociata di Kate Winslet

print-icon
ant

Penelope Cruz, Kate Winslet e Cate Blanchett, le tre protagoniste della crociata anti-botox. Immagini da Gettyimages.com

La protagonista di “Titanic” ha fondato la British Anti-Cosmetic Surgery League, una lega anti-botulino. Da Cate Blanchett a Emma Thompson, sono tante le colleghe che hanno già aderito al progetto. GUARDA LA FOTOGALLERY

di Camilla Sernagiotto

A Hollywood è ora di schierarsi e di entrare in guerra.

Contro chi? Contro l’acerrimo nemico dell’espressività, l’ingrediente base che rende un’attrice degna di questo nome.

Si tratta del botox, la tossina botulinica che viene utilizzata in chirurgia estetica per ringiovanire donne e uomini.

E le vittime dello showbiz che si sono fatte tentare da questo rimedio “miracoloso” che ti cancella dal viso parecchie primavere sono tantissime: da Kylie Minogue a Nicole Kidman, ci sarà un motivo per cui le quasi cinquantenni dello spettacolo sembrano coetanee delle ventenni comuni mortali!

Eppure una controindicazione, almeno per chi con la faccia ci lavora, c’è eccome: il botox toglie molta dell’espressività facciale non solo a livello di rughe!

Le attrici si ritrovano con un viso giovane ma immobile, senza possibilità di muoverlo in un’espressione imbronciata o in un corrugamento di fronte.

È per questo motivo che Kate Winslet ha fondato la cosiddetta «British Anti-Cosmetic Surgery League», una lega anti-botulino che ha subito trovato approvazione tra molte colleghe inglesi e non: Emma Thompson, Rachel Weisz, ma anche la spagnola Penelope Cruz e l’australiana Cate Blanchett si sono unite alla Winslet per dire no ai ritocchi estetici che rovinano il mestiere.

C’è anche chi ritiene che il botulino dovrebbe essere reso illegale sul set, come la bellissima Rachel Weisz, secondo cui “l'uso del botox per gli attori dovrebbe essere bandito come il doping per gli sportivi”.

Il suo discorso non fa una piega. Solo qualche ruga…

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky