17 novembre 2011

Divi con il vizio del matrimonio

print-icon
plu

Liz Taylor e Larry Fortensky, uno dei suoi otto mariti. Immagine da Gettyimages.com

Da Liz Taylor a Larry King e Jerry Lee Lewis, sono tante le Star che hanno un vero e proprio harem di ex mariti ed ex mogli. La più "addicted to wedding" ? L’attrice Zsa Zsa Gabor, che pronunciò ben nove fatidici sì. GUARDA LA FOTOGALLERY

Guarda la FOTOGALLERY

di Camilla Sernagiotto

Il primo matrimonio non si scorda mai, almeno così dicono i comuni mortali, che al massimo ne hanno provati solo un paio.

Ma chissà se a Hollywood vale la stessa cosa: tra Liz Taylor, Larry King e Tony Curtis, nel paradiso dei V.I.P. ci vuole una memoria elefantiaca per ricordarsi il fatidico sì…
E non perché da allora sia passato troppo tempo, macché!

Il motivo è perché dopo il primo “Sì, lo voglio” ne sono seguiti innumerevoli.
Nell’Eden della fama essere monogami è out, almeno così la pensano i divi, che raramente sono rimasti per tutta la vita con la stessa dolce metà.

Più che dolci metà, a Hollywood si parla almeno di dolci quinti o sesti, visto che i V.I.P. hanno gli armadi pieni zeppi di vestiti da sposi.

L’ultimo addicted to wedding che si è fatto tentare dalla terza vera da infilare al dito di una terza consorte è Paul McCartney, il baronetto della musica che non ha certo bisogno di presentazioni.

Proprio nel giorno in cui il suo esimio collega John Lennon avrebbe compiuto settantun anni, Sir McCartney è convolato a (terze) nozze con la ricca ereditiera Nancy Shevell, che anziché scegliersi un bel Toy Boy come fanno quelle del suo rango, ha deciso di passare il resto della vita costringendo il marito a canticchiarle Hey Jude per addormentarsi…

E con “il resto della vita” si fa per dire, visto che Paul potrebbe benissimo essere agli albori delle sue Wedding Adventures.

In fin dei conti, è uno dei meno donnaioli del Red Carpet, con tre sole Signore McCartney al seguito: c’è chi ha fatto molto peggio, parola di Tony Curtis, che si sposò sei volte.

Ma anche lui non è certo il latin lover numero Uno a Hollywood, visto che a rovinare la piazza sono arrivati veri e propri maniaci dello sposalizio come Mickey Rooney e Larry King.
Il primo ha usato il suo fascino da attore per farsi seguire fino all’altare da ben otto donne, di cui la prima fu niente popò di meno che Ava Gardner, mentre il Re dei Talk Show Larry King ha sfoderato tutta la sua parlantina per ammaliarne sempre otto.

E se state pensando a quanto pagano di alimenti per mantenere un harem di ex mogli simile, immaginatevi invece quanti mariti hanno mantenuto Liz Taylor

La otto volte sposata Elizabeth, che si maritò addirittura due volte con lo stesso uomo (Richard Burton) da cui aveva divorziato, avrebbe potuto tenere un corso intitolato “Come accalappiare un uomo nel giro di pochi minuti”.

Eppure, nonostante in molti credano che spetti a lei la medaglia d’oro della donna che ha pronunciato più fatidici sì, la vincitrice assoluta è l’attrice Zsa Zsa Gabor, che batté la Taylor per un punto: nove a otto.


Se la mosca Tsé-Tsé è una delle specie di insetti più pericolose al mondo,  l’attrice Zsa Zsa è una delle specie di donne più pericolose del pianeta: capace di stregare con un solo sguardo, a giudicare dai nove poveri uomini che ha sedotto e abbandonato…

Una che fa parte della stessa pericolosissima specie è Demi Moore, con due matrimoni alle spalle e uno per mano (ma lei, a differenza della moglie di Paul McCartney, ha scelto il Toy Boy!)

Anche i musicisti non sono da meno, a giudicare dalle volte che hanno visto un altare Peter Frampton, Jerry Lee Lewis e Steve Earle, rispettivamente quattro, sette e sette.

Addirittura uno che sembrava tutto tranne che il re dei cucadores ha strappato ben cinque “sì, lo voglio”: si tratta di Stan Laurel, il celeberrimo Stanlio del duo comico più famoso del grande schermo.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky