29 dicembre 2014

Star che hanno fatto la differenza nel 2014

print-icon
sta

Getty Images

Ormai non c’è celebrità che non sia impegnata nel sociale. Ma in poche riescono davvero a lasciare una traccia, lanciando campagne di impatto. Da Leonardo di Caprio a Matt Damon, passando per Emma Watson e Michelle Hunziker, ecco i VIP più attivi. VIDEO

Talento, fama e un grande cuore. Mentre per conquistare le copertine dei rotocalchi qualcuno ha puntato sul lato B, nel corso dell'ultimo anno sono state numerose le celebrità che si sono distinte per avere preso parte (anche facendosi testimonial) a iniziative benefiche fra le più varie. E che si tratti di puro altruismo o di marketing di bassa lega, come in molti accusano, poco importa se gli aiuti arrivano a destinazione.

Eco-Leo – Fra i divi di Hollywood più attivi spicca Leonardo Di Caprio. Il pluripremiato attore (Oscar escluso, almeno fino ad oggi) ha a cuore le sorti del pianeta. Solo qualche mese fa ha investito 2 milioni di dollari a favore della conservazione degli oceani e dell'ecosistema marino nell'ambito di un progetto promosso dalla Casa Bianca. Ma il belloccio del grande schermo non si limita a sborsare quattrini, Di Caprio ci mette la faccia: prima aderendo alla conferenza “Our Oceans” organizzata a Washington dal Dipartimento di Stato, poi parlando dei problemi del clima al vertice delle Nazioni Unite a New York (è stato nominato messaggero Onu per il clima), fino a portare la questione all'attenzione degli utenti dei social network.



L'altra faccia dell'Ice Bucket Challenge – Ricordate le secchiate ghiacciate a sostegno della ricerca contro la SLA che ci hanno tenuto compagnia durante gli scorsi mesi? Numerosissime le celebrità che vi hanno preso parte (mostrando o meno il bonifico con la donazione). Ma Matt Damon si è messo davvero in gioco: l'attore, fra i fondatori dell'organizzazione no profit Water.org, ha approfittato della moda social per affrontare il problema della scarsità di acqua potabile nel mondo. E dalle parole è passato ai fatti, versandosi sulla testa anziché dell'acqua pulita, l'acqua di scarico del wc, per evitare gli sprechi.



C'è anche chi si è scagliato senza mezzi termini contro l'iniziativa, come il ballerino della tv Kledi Kadiu che su YouTube si è fatto manifesto dell'anti-Ice Bucket Challenge, pregando le persone di non fare “i buffoni su un problema così grave” e invitandoli ad agire concretamente.

Ferguson: star contro il razzismo
- Non solo clima e ambiente. Le celebrità possono avere un ruolo decisivo per sensibilizzare le persone nei confronti dei problemi più svariati. È il caso di Jesse Williams. Da molti (molte, anzi) meglio conosciuto come il Dottor Avery della serie tv Grey's Anatomy, si è preso a cuore gli ultimi fatti avvenuti a Ferguson, rilasciando una dichiarazione alla CNN in cui esprime tutto il suo sdegno per la gestione dell'evento e la sua preoccupazione di fronte alle evidenti disparità razziali che esistono in America. Non era abbastanza? Allora si è presentato a Ferguson per protestare contro i metodi della polizia americana e ha gridato la sua indignazione su Twitter.



Donne e senzatetto - Il messaggio ha maggiori possibilità di fare breccia se a lanciarlo è una professionista della trasgressione, come la pop star Miley Cyrus che in occasione della premiazione agli scorsi  MTV Video Music Awards ha portato con sé sul palco un giovane senzatetto, destinando il suo premio a sostegno di un ricovero per i ragazzi che vivono per strada.



Mentre Emma Watson, presso la sede delle Nazioni Unite a New York, si è pronunciata in nome della parità di genere, prendendo parte attivamente alla campagna “HeForShe”. A favore delle donne anche l'impegno della show girl Michelle Hunziker, co-fondatrice della Fondazione Doppia Difesa contro la violenza femminile, recentemente impegnata nella realizzazione di tre spot volti a sensibilizzare sul tema.


IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky