Caricamento in corso...
21 marzo 2016

Roipnol Witch, la primavera del punk è femmina

print-icon
roi

Roipnol Witch

Loro si chiamano Roipnol Witch, il loro album più recente Starlight: sono l'emblema di un rock energico, quasi punk, declinato al femminile. Spingono per le quote rosa nella musica con l'associazione Rock in Mascara da loro fondata e che riuniosce buona parte di un talento (purtroppo) ancora sommerso. Le abbiamo incontrate

di Fabrizio Basso

Ma quanto picchiano sul palco queste ragazze. Due chitarre e un basso che friggono per un'ora e riportano all'atmosfera dei club. Quelli di una volta, ricavati in scantinati, dove si poteva fumare e la birra era il minimo sindacale. Oggi questa poesia "sporca" è stata assorbita da salutismo e perbenismo ma ciò non toglie che sentire i morsi di una musica così ruvida trasmette energia. Positiva. Loro si chiamano Roipnol Witch e sono le sorelle Giulia e Martina Guandalini (chitarra e voce e basso e voce) e Francesca Bedogni (chitarra); c’è il supporto di Massimiliano Coluccini alla batteria. Ma l'anagrafe non sale sul palco né va in sala di registrazione: lì ci vanno Giuly Witch, Lady Marty e Queen Francy. Hanno scelto quel nome perché "siamo super fan di Courtney Love e Kurt Cobain e loro parlavano spesso di questo farmaco nelle loro biografie. Ci abbiamo associato witch, strega e così ipnotizziamo in modo anticonvenzionale".

Sul palco si schierano come un tridente calcistico: basso al centro e le chitarre sulle fasce. Fin da subito hanno scelto così. Sono molto fisiche quando fanno fumare le corde degli strumenti. Creano su una linea vocale, su ina idea di suono e questo ne ha fatto una rock band fino dagli esordi, dal 2002 quando erano adolescenti o poco più. Il loro ultimo album Starlight, buono anche per il mercato estero: "Abbiamo individuato un sound giusto con la nostra etichetta, loro ci hanno capito e hanno collaborato con noi senza volerci togliere l'identità. Siamo rock, punk e new wave". Icone della musica hanno chiesto alle Roipnol Witch di aprire i loro concerti: da Santigold a Florence and The Machine fino a Malika Ayane.

Hanno camminato molto ed è un merito. Ma le Roipnol Witch ne hanno uno ancora più grande: sono riuscite ha stimolare la coscienza rock femminile attraverso il loro Rock in Mascara, una associazione che raduna tutte le donne della musica: "Abbiamo scoperto tante belle realtà, abbiamo girato l'Italia, inventato un Festival e sono nate belle e sincere amicizie". Un elemento in più per rendere la musica un elemento trascinante della società. Crescono concerto dopo concerto, e ne fanno tanti, perché ciò che è genuino e viene dal cuore vince sempre e la gente lo capisce. Piacere o non piacere è un fattore soggettivo ma essere uniche è un valore universale. E qui si respira a ogni nota.






IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky