29 maggio 2017

Eva Green: il bacio saffico con Emmanuelle Seigner fa impazzire Cannes

print-icon
Eva Green: il bacio saffico con Emmanuelle Seigner fa impazzire Cannes

Eva Green ha fatto la storia del Festival di Cannes con un photocall caldissimo: il suo bacio saffico con Emmanuelle Seigner è stato quasi indimenticabile quanto il bollente scambio d’effusioni tra Monica Bellucci ed Alex Lutz, alla cerimonia d’apertura.

Il settantesimo anniversario di Cannes lascia il segno nella storia del film festival con un tenero bacio tra due professioniste che condividono un photocall tutto speciale. La dark lady Eva Green si lascia andare a tenere effusioni con Emmanuelle Signer – e Cannes non può fare altro che perdere la testa.

Un tenero bacio tra amiche

La scena: immaginate il photocall di uno dei film più attesi della stagione cinematografica: “Based on a True Story”. Eva Green indossa una jumpsuit che mette in risalto il suo fisico tonico e la sua carnagione chiara, anzi, chiarissima. Labbra scarlatte e bijoux importanti contraddistinguono un look diversamente molto sobrio ed essenziale, con un capello a bob mosso e, protagonisti del make-up, gli occhi verdissimi della splendida attrice. Nel suo sguardo danza sempre un’espressione enigmatica che, sopra ogni cosa, la rende più bella che mai. Emmanuelle Signer, moglie di Roman Polanski, condivide con Eva il ruolo di protagonista del film, e con noi il suo amore per la collega. Del resto, quando scocca il bacio, è praticamente questione di chimica. Eva Green ha 36 anni e un portamento da diva. La star della serie televisiva Penny Dreadful ha conquistato Cannes con i suoi look un po’ dark dal sapore misterioso. Nel corso del servizio fotografico, le due si sono scambiate un tenero bacio, frutto di una splendida amicizia nata sul set del film “Based on a True Story”.

Come un narcisismo al contrario

Eva sembra di ottimo umore mentre lascia che i fotografi catturino l’essenza della sua bellezza: la vediamo sorridere, abbracciata ad Emmanuelle, e spalancare le braccia mentre gli obiettivi sono tutti puntati su di lei. Nel corso di un’intervista per VICE, la bella Eva ha confessato di non essere particolarmente incline all’autocelebrazione: “Odio guardare me stessa sul grande schermo. Di solito resisto dieci minuti prima di dovermene andare. Non posso farlo, davvero: è troppo strano.” La bella Eva Green prosegue scuotendo la testa, cercando di spiegare i motivi di una simile avversione: “Tendo a diventare molto critica con me stessa, e diventa per me una specie di narcisismo al contrario. Ci sono attori che guardando i propri film riescono a capire i loro errori e migliorarsi: io non ci riesco. Semplicemente non posso”.

Eva Green: il bacio saffico con Emmanuelle Seigner fa impazzire Cannes

Il primo film di Roman Polanski dal 2013

Based on a True Story” arriva dopo qualche anno di silenzio e il suo controverso lavoro del 2013, Venus in Furs. La pellicola, recitata completamente in francese, è un thriller, e racconta dell’incontro tra la Seigner, autrice parigina, e una donna misteriosa impersonata da Eva Green. Del resto, chi meglio di lei per un simile ruolo? In febbraio, Polanski doveva essere incaricato di presiedere la giuria del France’s Cesar Awards, ma ha dovuto ritirarsi a seguito di un’aspra protesta femminista. A dare una nota noir all’evento c’è la sentenza, pesantissima, che grava sulla testa del regista di questa pellicola.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky