Caricamento in corso...
07 giugno 2017

Fabrizio Corona: caos al processo, allontanato dall'aula

print-icon
Fabrizio Corona: caos al processo

Il carcere non l’ha ammorbidito: Fabrizio Corona è esploso durante la nuova udienza del suo processo dopo che il Pm ha chiesto per lui cinque anni di reclusione. Allontanato dall’aula, è stato duramente ammonito.

Si continua a parlare di Fabrizio Corona, che ieri ha partecipato a una nuova udienza del processo che lo vede imputato. Ecco cos’ha fatto l’ex re dei paparazzi.

Fabrizio Corona perde la pazienza

“Corona non perdona” recitava il motivetto cantato da Fabrizio e dal rapper Kalief nel 2007, e a quanto pare il temperamento del fotografo è rimasto intatto anche a distanza di dieci anni. Il fidanzato di Silvia Provvedi ieri è stato allontanato dall’aula durante la nuova udienza del processo che lo vede come imputato perché, alla richiesta di cinque anni di pena da parte del pubblico ministero, Corona ha iniziato a urlare all’interno dell’aula. “Vergogna, voglio giustizia!”, queste le parole ripetute dal fotografo, che è stato immediatamente allontanato dalle forze dell’ordine presenti in sala. Questa è stata la prima volta che Fabrizio Corona ha perso così le staffe: nel corso delle altre udienze era capitato che fosse un po’ agitato, ma mai che si mettesse a urlare in questo modo. Dopo qualche minuto il fotografo è stato fatto rientrare in aula, e gli è stato comunicato che se avesse tenuto un altro comportamento del genere sarebbe stato bandito dalle udienze. Per Corona il Pm ha chiesto cinque anni di reclusione, accusandolo di intestazione fittizia di beni, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione (a cui vorrebbe aggiungere anche un altro capo d’accusa, quello di intestazione fittizia di beni).

Le motivazioni di Corona

Fabrizio Corona è esploso in aula perché ritiene che la giustizia si sia accanita su di lui, ma anche perché crede che gli investigatori non stiano indagando a sufficienza sulla bomba che è stata piazzata sotto casa sua lo scorso agosto. Nel corso delle udienze passate Fabrizio Corona ha accusato il fidanzato di Nina Moric, Luigi Mario Favoloso, di questo crimine: immediata è stata la reazione della coppia, che ha querelato l’ex re dei paparazzi per diffamazione. La faida tra loro è arrivata così alle stelle che, qualche ora prima della scorsa udienza, Favoloso si è fatto tatuare una frase che sembra palesemente rivolta a Fabrizio Corona: “si vis pace, para bellum”, se vuoi la pace prepara la guerra. “Dai zio sbrigati che qua abbiamo un processo”, ha scritto Favoloso accanto alla foto che lo mostra mentre è dal tatuatore. Ancora dubbi che non fosse rivolta a lui?

Problema di soldi

Fabrizio Corona è in carcere dallo scorso ottobre dopo che sono stati ritrovati nel controsoffitto della sua collaboratrice Francesca Persi quasi due milioni di euro in contanti. La scoperta è stata fatta quasi per caso dopo che sotto casa del fotografo era stata piazzata una bomba carta nella notte tra il 12 e il 13 agosto. Al processo ha testimoniato anche Belen Rodriguez, fidanzata con Fabrizio Corona all’epoca in cui era stato guadagnato quel denaro: la showgirl argentina ha definito lei e Fabrizio “una coppia esplosiva”, e più di una volta durante l’udienza ha cercato di incoraggiare il suo ex ragazzo. Estranea ai fatti, Belen più di una volta in passato ha espresso rammarico per la strada intrapresa da Fabrizio, e si è augurata potesse cambiare al più presto stile di vita. 

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky