Caricamento in corso...
03 luglio 2017

Sophie Turner difende Game of Thrones e le sue scene di sesso

print-icon
Sophie Turner difende Game of Thrones e le sue scene di sesso

“Al diavolo le persone che sostengono che certe scene non debbano essere mandate in onda,” ha dichiarato Sophie Turner al The Times Magazine, sollevando nuovamente il polverone che aveva duramente colpito alcune delle scene di sesso più controverse della serie TV di successo del Trono di Spade.

Sophie Turner è stanca del perbenismo e di tutte le critiche ricevute per le scene controverse di sesso avvenute nella serie televisiva Sky Atlantic Il Trono di Spade (Game of Thrones). L’attrice che interpreta Sansa Stark interviene per spezzare una lancia in favore di alcune delle scene più dure.

Sophie Turner e la sua educazione sessuale “by Trono di Spade”

La serie televisiva più amata di tutti i tempi è stata anche oggetto di una serie feroci critiche quando, nel corso della quinta stagione, Sansa Stark (Sophie Turner) è stata brutalmente violentata da Ramsay Bolton (Iwan Rheon). L’evento shock ha sollevato non poca polvere sull’intera serie, suscitando l’odio e il disprezzo di moltissimi uomini e moltissime donne in giro per il mondo. Per capire la proporzione di questa insurrezione, sono state diffuse diverse iniziative per tentare di boicottare lo show.

L’attrice Sophie Turner, il cui personaggio è stato vittima di un abuso di proporzioni inenarrabili, è in profondo disaccordo con queste iniziative di censura. Di recente si è addirittura mobilitata in prima persona per mettere a tacere il perbenismo, e lottare non solo per il buon nome della serie TV, ma anche per trasmettere un importante messaggio sociale: “Dobbiamo trovare ogni giorno nuovi modi e nuove tecniche per discutere pubblicamente di abusi sessuali,” ha dichiarato Sansa Stark. La dichiarazione viene dalla stessa attrice che, dovendo crescere sotto i riflettori di una serie così cruenta (la sua esperienza con il Trono di Spade è iniziata quando lei aveva 12 anni circa), ha scherzato in più di un’occasione sostenendo di aver ricevuto le prime lezioni di educazione sessuale proprio dal set.

La dichiarazione di Sophie Turner? Implacabile!

La star di Trono di Spade, Sophie Turner, ha dichiarato inoltre: “Più parliamo di stupro meglio è, e al diavolo le persone che sostengono che certe scene non debbano essere mandate in onda! Al diavolo anche tutti quelli che hanno deciso di boicottare lo show per lo stesso motivo”. Implacabile e determinata, proprio come la Sansa Stark delle ultime puntate della stagione – dove finalmente può prendersi la sua crudele vendetta – Sophie Turner non accetterà che lo show venga messo a tacere per aver esposto una realtà cruda e terribile che, per alcune donne, fa parte del quotidiano. “Questo genere di cose succedevano sempre, e continuano a succedere anche adesso. Se continuiamo a trattarlo come se fosse un argomento tabù, come se fosse qualcosa di innominabile, come possiamo pretendere che le vittime di stupro escano allo scoperto senza aver paura o timore?”

Sophie Turner ricorda di aver girato quella terribile scena con leggerezza, inizialmente del tutto ignara del suo significato profondo. Quando però le prime proteste sono emerse dal mondo del Web, l’attrice ha capito che quella scena era di fondamentale importanza. “Ho girato quella scena, e le conseguenze sono state terribili: c’era questa protesta in corso che non avremmo dovuto mandare in onda una simile oscenità. All’inizio pensavo che avessero ragione”. Poi, qualcosa dentro di lei è cambiato: possiamo parlare di consapevolezza, di maturità sopraggiunta o di sensibilità ai temi caldi del femminismo moderno. Quello che sappiamo per certo è che Sophie Turner è diventata una delle paladine moderne dei diritti delle donne.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky