10 luglio 2017

Katy Perry fa infuriare l'Australia: tutta colpa di una battuta sui koala

print-icon
Katy Perry

Katy Perry non riesce a stare lontana dai guai: di recente la splendida popstar dietro al successo di Witness è entrata nell’occhio del ciclone per colpa di una battuta sui koala. Tutti gli australiani e gli animalisti sono insorti contro di lei per questo “scherzo inappropriato su molti livelli”.

Katy Perry è di nuovo nei guai: questa volta, il suo senso dell’umorismo ha fatto infuriare gli australiani e gli ambientalisti di tutto il mondo. Sembra che la popstar abbia fatto una battuta inappropriata sui koala.

Katy Perry: la pubblicità con battuta sui koala

Katy Perry ha solo 32 anni ma, di recente, le continue campagne di promozione per il suo nuovo disco, Witness e il tour, la hanno portata più volte al centro della bufera e dell’indignazione collettiva. Se all’inizio è stato per via della sua collaborazione con i Migos per “Bon Appétit”, c’è stata poi la polemica sulle drag queen che hanno partecipato a uno dei suoi show. Per non farsi mancare niente, poi, Katy Perry ha anche fatto una classifica dei suoi partner sessuali in base alle loro performance, suscitando la risposta e l’indignazione dei fan. Adesso, però, tocca al mondo animale: questa volta la bella popstar avrebbe fatto una battuta “di cattivo gusto” sui koala, e tutta l’Australia è insorta per prendere le difese di questa specie catalogata come “vulnerabile” all’estinzione.

Nel corso di uno sponsor per Myer, colosso del retail australiano, Katy Perry avrebbe presentato la nuova iniziativa pubblicitaria del brand che prevede un giveaway dei biglietti per il suo concerto. Protagonisti della pubblicità ci sono la cantante, in ottima forma, e il suo adorabile cagnolino Nugget: e fin qui, niente di strano. Dopo la presentazione della promozione, però, Katy Perry si è lasciata sfuggire una battutina che non è andata giù agli ambientalisti. La frase incriminata: “Forza, Nugget, andiamo a rincorrere qualche koala!”. Gli ambientalisti sono insorti, colmi di rabbia, e hanno chiesto a Myer di tagliare quella battuta di cattivo gusto. “Siamo consapevoli dei commenti che hanno circondato la pubblicità del Witness Tour di Katy Perry, soprattutto sulla parte che fa riferimento ai koala. Attualmente, abbiamo provveduto a rimuovere la frase inappropriata dalla pubblicità”, ha dichiarato il responsabile della comunicazione di Myer in uno statement ufficiale.

La reazione animalista

Gli animalisti non hanno interpretato la battuta di Katy Perry come tale, tutto l’opposto. Secondo l’ex stella del Grande Fratello Claire Madden, ora veterinaria, la pubblicità è stata “inappropriata” e la battuta sarebbe frutto “dell’ignoranza” della cantante. “Katy Perry è un modello di comportamento per moltissimi giovani, e con quella battuta ha distrutto tutto il buon lavoro che abbiamo fatto nel promuovere un comportamento maturo e responsabile dei padroni di cani, che dovrebbero scoraggiare i propri animali dall’inseguire i koala”.

Non soddisfatta, Claire Madden ha insistito sull’importanza di conoscere la fauna locale prima di scherzarci sopra: “Katy Perry: ti sfido a venire qui e trascorrere una giornata con me: ti aiuterebbe a capire perché il tuo messaggio NON dovrebbe essere trasmesso a livello nazionale”.  Secondo i dati del “Department of Environment and Heritage Protection”, ogni anno circa 100 koala vengono inseguiti ed attaccati dai cani, e nel 75% dei casi quest’aggressione risulta fatale per il povero animale ghiotto di eucalipto.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky