Caricamento in corso...
11 luglio 2017

Jay-Z: la confessione shock sulla sua relazione con Beyoncé

print-icon
Jay-Z: la confessione shock sulla sua relazione con Beyoncé

Il gossip attorno la coppia Jay-Z Beyoncé non è destinato a placarsi. 4:44, il nuovo album del rapper, ha riacceso i riflettori sui suoi tradimenti. E le sue confessioni hanno fatto il resto

Che Jay-Z non fosse uno stinco di santo, e un marito perfetto, era chiaro fin dai tempi di Lemonade, l’album sfogo di Beyoncé. Con “4:44”, però, a parlare è il rapper in persona. Che ammette i suoi tradimenti, e chiede scusa a moglie e figli. Mossa commerciale o sincero pentimento? Non è dato sapersi.

Un video confessione

Oltre che un album musicale, “4.44” è una sorta di diario per Jay-Z. Una confessione, e una richiesta di perdono. In cui il rapper confessa quei tradimenti in passato oggetto di pettegolezzo, confermando le voci e chiedendo scusa a Beyoncé, alla piccola Blue Ivy e ai gemellini appena arrivati. Ora, però, a far parlare non è solo il testo di una canzone. Bensì le affermazioni di Jay-Z in persona. Che, lo scorso lunedì, ha pubblicato sulla piattaforma Tidal il video di una conversazione tra lui e alcune celebrità sue amiche: Chris Rock, Will Smith, Kendrik Lamar, Jesse Williams. E molti altri. Il gruppetto, in quel video, è ripreso mentre chiacchiera d’amore, di relazioni, di famiglia. E, parlando del suo matrimonio, Jay-Z – ad un certo punto – fa una rivelazione scioccante. «Questa è la mia vita reale»,dice. «Ho costruito una bellissima casa, che è la mia relazione con Beyoncé. Ma, questa relazione, non si fonda al 100% su una base di verità. E, ad un certo punto, ha cominciato a vacillare». Proprio come una casa dalle fondamenta poco solide, la storia tra il rapper e la famosissima cantante – spesso – si è infatti ritrovata scricchiolante. E ha dovuto far fronte a molte difficoltà. «Le cose sono iniziate molto prima che il pubblico lo notasse. E siamo arrivati ad un punto in cui ci siamo detti: “Ok, cancelliamo tutto e ripartiamo dall’inizio”», continua il rapper. Per poi confessare che, quel ripartire dall’inizio, è stata la cosa più difficile che abbia mai fatto.

Scuse e canzoni

Dei suoi tradimenti, e dei suoi comportamenti, già in passato – in realtà – Jay-Z se ne era pentito. Tanto da sentirsi sopraffatto dalla paura di perdere Beyoncé. Racconta nel video di come, tempo addietro, durante una vacanza abbia pregato la moglie – che doveva partire per motivi di lavoro - di non lasciarlo. «Ero sulla barca, e stavo davvero bene. Poi lei è dovuta partire, e io mi sono sentito come rotto. Una sensazione che non avevo mai provato, un male quasi fisico. Tanto che l’ho pregata di non andarsene», ricorda. «Siamo arrivati ad un punto in cui abbiamo una relazione tale che, perché possa funzionare, non deve avere nulla di finto. Non dico che non sia stato difficile, perché lo è stato, ma siccome lo facevamo da così tanto tempo è stato meno problematico», confessa poi nel video. Una confessione, questa, che conferma indirettamente le voci dei tradimenti del rapper, contenuti anche nelle canzoni di “4:44”. Nella canzone che dà il titolo all’album, ad esempio, Jay-Z canta: “Se i miei bambini lo sapessero, non so cosa farei. Se non mi guardassero nello stesso modo, probabilmente morirei di vergogna”. Mentre, in Kill Jay-Z, parla dello schiaffo che Solange – sorella di Beyoncé – gli diede in ascensore durante il Met Gala 2014. In altre tracce ancora, canta: “Ho giocato con le tue emozioni perché io ne ero privo”. Oppure: “Quanto può essere bello un menage a trois quando hai la tua anima gemella?”. Che sia davvero pentito?

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky