Caricamento in corso...
12 luglio 2017

Johnny Depp, stravagante spendaccione: l'elenco di spese prosegue

print-icon
Johnny Depp, stravagante spendaccione: l'elenco di spese prosegue

Di recente, ne abbiamo sentito parlare per colpa di quel suo attaccamento viscerale al suo jet privato: Johnny Depp porta avanti la battaglia legale contro il suo ex-gruppo amministrativo, che non ha paura di mettere le carte in tavola. Di recente, sono emerse alcune delle spese pazze che hanno portato al catastrofico declino del patrimonio dell’iconico attore, volto del Capitan Jack Sparrow.

Toglietegli tutto, ma non il suo jet privato, il vino pregiato, i gioielli, le auto di lusso, le moto e i funerali bizzarri. Insomma, avete capito l’antifona: Johnny Depp è il celebre volto dello spettacolo che guadagna molto più di quello che possiamo immaginare. Già, peccato che anche la sua propensione allo shopping estremo sia andata completamente fuori controllo!

Johnny Depp e i guai economici

Finalmente la battaglia legale tra Johnny Depp e il suo ex team di gestione amministrativa ha portato qualche risultato positivo in favore all’attore – o almeno, alla sua privacy. Lunedì scorso, il giudice americano ha dichiarato che le sue abitudini di spesa non sono e non devono essere oggetto di discussione nel corso del processo, e di conseguenza devono rimanere estranee agli atti processuali. Tutto ha avuto inizio questo gennaio, quando Johnny Depp ha fatto causa alla TMG per la cattiva gestione del suo patrimonio, che ho ha portato a perdite per un valore complessivo di milioni e milioni di dollari. Il team amministrativo ha risposto con una controdenuncia, in cui l’agenzia sosteneva che l’attore sottopagava i suoi manager: da quel momento, tutti documenti sensibili delle spese folli di Johnny Depp sono venuti a galla e sono stati utilizzati contro di lui nel corso del processo.

Johnny Depp, adorabile spendaccione

Secondo l’agenzia di management, la consistente perdita di denaro di Johnny Depp è imputabile alla sua incontrollabile propensione a spendere. Nella fattispecie, sono emersi circa 30 mila dollari al mese per il vino, 400 mila dollari per un gioiello di diamanti regalato ad Amber Heard e, la spesa più pazza di tutte: 5 milioni di dollari spesi per sparare le ceneri di un amico defunto, Hunter S. Thompson (Paura e delirio a Las Vegas), con un cannone ad Aspen. Queste strane abitudini, tuttavia, non avranno alcun tipo di influenza sulla decisione del processo. Secondo il giudice, infatti, le spese di Johnny Depp, per quanto inconcepibili, non hanno nulla a che vedere con il processo in questione.

Finalmente una “buona notizia” per Depp, che potrebbe trovarsi nei guai fino al collo: dopo la denuncia per 25 milioni di dollari alla TMG, infatti, l’agenzia aveva provveduto a pubblicare alcune delle lettere in cui l’attore chiedeva spiegazioni e si metteva a disposizione del management per rientrare in positivo. In quella pubblicazione, emerse che Johnny Depp riusciva a spendere fino a 2 milioni di dollari al mese per sostenere il suo esoso stile di vita, cifra che non poteva affatto permettersi. In quelle e-mail, l’attore spiegava che sarebbe stato disposto a vendere gran parte dei suoi averi per rientrare nel budget. “Tutto tranne il mio jet privato,” aveva dichiarato, “Viaggiare con un aereo di linea sarebbe insopportabile”.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky