01 agosto 2017

Lady D: in un libro la vita segreta di Dodi Al Fayed

print-icon
Monumento a Lady Diana e Dodi Al Fayed

Nuove rivelazioni sull’ultimo compagno di Lady Diana: Dodi Al Fayed conduceva una vita tra feste, donne e cocaina. Locali esclusivi e club illegali le frequentazioni del miliardario egiziano.

A 20 anni dalla tragica scomparsa, Lady Diana continua a far parlare di sé. Dal giorno del terribile incidente, in cui la principessa e il compagno Dodi Al Fayed persero la vita, le indiscrezioni sulla loro relazione hanno fatto riemergere particolari molto imbarazzanti.

Lady Diana e le indiscrezioni sulla sua vita

Lady Diana aveva cominciato la storia con il miliardario egiziano Dodi Al Fayed poco dopo il divorzio dal principe Carlo. Il matrimonio tra Lady D e Carlo d’Inghilterra, durato dal 1981 al 1996, non è mai stato felice: i tradimenti reciproci, i rapporti difficili tra la giovane Spencer e la regina Elisabetta, le difficoltà di Diana di adeguarsi alla rigida etichetta di corte hanno incrinato il rapporto di coppia fin dal primo giorno. La relazione tra Lady Diana e Al Fayed si è conclusa tragicamente il 31 agosto del 1997: i due sono rimasti vittime di un incidente automobilistico avvenuto sotto il tunnel del Pont de l’Alma a Parigi, in circostanze che sono ancora da chiarire. Negli ultimi vent’anni sono emerse tantissime rivelazioni sulla vita privata di Lady D, a opera di persone che erano a stretto contatto con la principessa. Adesso, un libro racconta particolari inediti e imbarazzanti su Dodi Al Fayed, il compagno di Diana morto con lei nell’incidente. Il libro si intitola Inside studio 54 e getta altro fango sulla memoria della principessa e di Dodi All Fayed. L’autore è Mark Fleischman, il proprietario della famosa discoteca di New York Studio 54.

Le feste proibite di Dodi Al Fayed

Nel libro, in uscita il 19 settembre, Fleischman racconta la vita segreta del miliardario. Secondo ciò che scrive il proprietario dello Studio 54, Dodi Al Fayed organizzava tantissime feste in edifici abbandonati. Dodi amava molto le donne e ne era sempre circondato, nell’ambiente aveva la fama da inguaribile playboy. Ai suoi party non mancava mai neanche la droga: c’era sempre cocaina di buona qualità e alcol a fiumi. Le feste si svolgevano un po’ ovunque, sul jet privato dell’imprenditore, sullo yacht, nella suite dell’Hotel Plaza di Parigi, tutte con la stessa modalità: donne, sesso e droga. Secondo Fleischman, Dodi frequentava zone pericolose di New York e club illegali, tra cui un locale gay, il Crisco Disco. Il playboy miliardario, che nel libro viene definito “Vampiro Gay”, amava circondarsi di gente, a cui offriva la migliore cocaina, che spesso addizionava con ketamina o allucinogeni come la Special K. Oltre all’uso di droga, nelle feste si praticava sesso libero, anche tra sconosciuti. Numerosi anche i Vip che partecipavano ai party: Tony Curtis, Liza Minnelli, Robin Williams, Nick Nolte, John Belushi e tanti altri ancora. Alla fine, Fleischman racconta di aver venduto la discoteca e di essere finito alla “Betty Ford Clinic” per disintossicarsi e lasciarsi alle spalle quel mondo di droga, sesso e potere. da Naturalmente, queste sono solo le prime indiscrezioni trapelate, ma il libro promette altre scottanti rivelazioni sul compagno di Lady Diana. Non resta che aspettare settembre per leggere gli altri segreti sulla vita dissoluta dell’enigmatico miliardario egiziano e le ripercussioni che sicuramente avrà sul’opinione pubblica.

Lady D: in un libro la vita segreta di Dodi Al Fayed

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky