03 agosto 2017

Halle Berry su 007: "Bond non potrà mai essere una donna"

print-icon
Halle Berry su 007: "Bond non potrà mai essere una donna"

Halle Berry è categorica e non ci sta: una donna non dovrebbe interpretare il ruolo dell’agente segreto 007 James Bond. Lei, che di esperienza sui film ispirati ai romanzi di Ian Fleming ne ha, avendo interpretato la Bond girl in “007 – La morte può attendere” (2002), si è lanciata senza colpo ferire in una delle più grandi diatribe cinematografiche degli ultimi giorni.

Per Halle Berry, l’Agente Segreto al servizio di Sua Maestà non può e non deve essere una donna. Ai microfoni dell’Entertainment Tonight è stata piuttosto categorica. Scopriamo insieme le sue ragioni.

James Bond sì, ma Jamie no

Vorrei che le donne nel mondo del cinema fossero toste, ma non sono sicura che il ruolo di James Bond dovrebbe andare ad una donna”. Halle Berry esprime la sua perplessità con chiarezza e ci mostra un punto condivisibile a favore di uno 007 rigorosamente uomo. Mettendo da parte i concetti di femminismo che nulla hanno a che vedere con il ruolo maschile dell’agente Bond, l’attrice focalizza la sua attenzione sugli elementi essenziali che hanno reso questo personaggio una leggenda in tutto e per tutto, con il suo pacchetto di pregi e difetti (e ce ne sono): “Intendo, [Bond] è entrato nella storia partendo dai racconti di Ian Fleming. Non credo si possa cambiarlo e farlo diventare donna”.

Grazie a 007, Halle Berry ha avuto uno dei momenti di gloria più importanti della sua carriera. Nel corso di “007 - La morte può attendere”, infatti, la bella Bond girl è emersa dall’acqua con addosso un bikini arancione, una cintura e un coltello. Lo stesso bikini, o comunque o un modello molto simile a quello che ha indossato Ursula Andress nel celebre film del 1962 “007 – Licenza di Uccidere”, sempre dell’iconica serie. Un bikini memorabile soprattutto per il suo valore culturale: Ursula è stata una delle prime ad indossarlo per il grande schermo, portando con sé una ventata di emancipazione femminile, moda e bellezza che hanno segnato irrimediabilmente la storia del mondo. Un bikini così importante, per farvi capire, da avere una pagina su Wikipedia.

La questione di Bond al femminile

L’idea che presto potremmo voler vedere l’agente segreto 007 in versione femminile arriva da un suggerimento di Chris Hemsowrth, il quale avrebbe proposto Charlize Theron per interpretare la versione femminile dell’iconico personaggio, che si pone a metà strada tra un coraggioso patriota e un imperdonabile donnaiolo. A quanto sembra, secondo Chris, Charlize Theron sarebbe la sostituta perfetta per poter mandare “in pensione” Daniel Craig, uno degli 007 più chiacchierati della storia. Dal canto suo, l’attrice sembra pronta a scherzarci su: “Oh Chris, allora hai ricevuto il mio assegno! Molto bene, grazie!”. Dopo la battuta, però, si pone alla questione in maniera più seria: “È bellissimo e super-generoso che qualcuno mi abbia proposta per quel ruolo. Ma sinceramente, non saprei neanche che cosa farne, anche se è stato molto dolce. E poi, non sarebbe carino: Daniel, il lavoro è il tuo e non ho intenzione di portartelo via”.

Chris Hemsworth sa quello che dice e, tutto sommato, non ha intenzione di rimangiarselo. Con Charlize Theron ha lavorato nel film “Biancaneve e il Cacciatore” e conosce il potenziale di questa donna straordinaria: “È super intelligente e molto forte. Vederla in quelle scene di lotta, mentre indossava tacchi alti e gonna lunga fino ai piedi… È stato impressionante!”

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky