16 agosto 2017

Robert Pattinson vorrebbe interpretare di nuovo Edward Cullen

print-icon
Robert Pattinson vorrebbe interpretare di nuovo Edward Cullen

Date le ultime interviste di Robert Pattinson, che ultimamente sembra non riuscire a stare lontano dai microfoni e dai rotocalchi, abbiamo cominciato a conoscerlo un po’ meglio. La nota più irriverente di tutte è arrivata con la sua affinità al personaggio che l’ha reso famoso, ovvero il vampiro Edward Cullen di Twilight.

Tra Robert Pattinson, l’attore, ed Edward Cullen, il vampiro e personaggio, intercorre un’attrazione irresistibile e fatale: per quanto ne si possa dire, la loro magnetica polarità si interseca alla perfezione, e i due sembrano fatti l’uno per l’altro. In termini artistici, naturalmente. Possiamo affermare che l’alchimia tra l’attore e il personaggio sia quasi più forte di quella tra il vampiro e le fan in delirio per la saga di Twilight.

Robert Pattinson, di nuovo Edward Cullen?

Nonostante la saga di Twilight sia finita poco meno di 5 anni orsono, nessuno, Robert Pattinson e la Lionsgate (casa di produzione del franchise), ci ha ancora messo una pietra sopra. A quanto pare, l’attore sarebbe disposto a interpretare ancora una volta il nostro vampiro metrosessuale preferito, nel corso degli spin-off che potrebbero prendere il largo ed esplorare tutti i dettagli di una delle trame che ha appassionato la nostra generazione. Poco tempo fa, la Lionsgate ha infatti dichiarato: “Ci sono ancora molte storie da raccontare,” e il nostro Robert Pattinson è saltato, in testa a tutti, sul carrozzone dell’hype.

Nel corso di un’intervista per l’Huffington Post, il giornalista ha chiesto a Pattinson se sarebbe disposto a staccare dal chiodo il costume di Edward Cullen: “Davvero? Sì”, avrebbe detto, senza celare un velo di finto entusiasmo, “Beh, non si può mai sapere. Ai tempi, il film mi aveva ispirato parecchio. Girarlo è stato fantastico, soprattutto per il modo in cui la gente riesce ad interpretarlo mentre lo guarda. La gente capisce se non riesci a prendere troppo seriamente una cosa che diventa talmente famosa e mainstream da ottenere un sacco di detrattori. Ma io ho preso Twilight e il mio ruolo seriamente – molto più seriamente di qualsiasi altra cosa abbia mai fatto”.

Robert Pattinson può permettersi di fare la cernita

Dopo il travolgente successo di Twilight, le proposte di nuovi film sono letteralmente fioccate come le lettere di Hogwarts a casa dei Dursley quando hanno provato a nascondere la faccenda a Harry Potter. Allo stato attuale delle cose, Robert Pattinson legge circa 8 copioni la settimana e può permettersi di scegliere i ruoli a lui più congeniali, scremando i suoi preferiti tra circa 400 copioni all’anno. Insomma, dev’essere piuttosto faticoso, soprattutto per uno come lui, che lavora alacremente ogni giorno per rimanere lontano dall’occhio indiscreto dei paparazzi.

Stress post-traumatico da paparazzo”, lo chiama lui, e non possiamo dargli torto. Pattinson ha raccontato di aver ordinato più taxi alla volta per depistare i curiosi, e più spesso di quanto non voglia ammettere è costretto a viaggiare nel baule dell’auto. “Attualmente trascorro, in qualche modo, la maggior parte del tempo nel mio mondo. Mi sento un po’ ignorante, ed è divertente, perché da che ho memoria mi trovo nell’occhio dei media e sono sotto stretta osservazione. Credevo di aver raggiunto il punto di saturazione. E alla fine finisci per ripeterti, e ripeterti, e a un certo punto capisci di avere bisogno di un po’ di tempo per ricominciare a conoscerti – altrimenti non hai niente di nuovo da dire. E per tutti questi anni, non avevo niente da dire. Ancora adesso sento di non avere niente da dire”. Eppure, caro Robert, hai appena detto una delle cose più sagge che siano mai uscite dalla bocca di un attore.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky