30 agosto 2017

Taylor Swift conferma le teorie dietro "Look What You Made Me Do"?

print-icon
Taylor Swift conferma le teorie dietro "Look What You Made Me Do"?

Psicodramma? Sì, grazie! Per il suo ritorno in grande stile, Taylor Swift sceglie il serpente e ci regala un singolo al vetriolo pensato apposta, sino al minimo dettaglio, per sparare a zero su tutti i suoi nemici. Probabilmente “Look What You Made Me Do” non sarà l’ultimo esempio di brano in pieno stile “revenge pop”, ma quello che si scopre raschiando un po’ sulla patina glossy del video… riguarda anche e soprattutto la cantante stessa.

In questi giorni si è fatto un gran parlare di “Look What You Made Me Do”, il nuovo singolo di Taylor Swift, ma quello che davvero ha lasciato tutti col fiato sospeso è l’idea dietro alla canzone stessa. A chi si rivolge il testo della canzone? Se in alcuni momenti è pressoché lampante, tutta la Rete rimane col fiato sospeso alla ricerca della verità.

Taylor Swift: arriva la conferma?

Non sono passate nemmeno 48 ore dall’uscita del video di “Look What You Made Me Do”, ma la Rete si trova tutta d’accordo sul fatto che con questo video, Taylor Swift, ha “seppellito” il suo vecchio personaggio pubblico, ha ammiccato all’acidità della stampa nei suoi confronti e si è tolta qualche sassolino dalla scarpa. Tutto questo, in un conveniente formato di 4 minuti e 15 secondi che ha preso, punto per punto, tutti i suoi nemici e gliene ha cantate quattro. Ora che ci siamo fatti un’idea, speculando un po’, dei temi trattati dalla canzone, siamo in attesa della conferma di Taylor Swift che, forse, è arrivata poche ore fa.

A quanto pare la popstar avrebbe messo “like” a diversi commenti di Tumblr riguardanti il suo video: pur non trattandosi di una dichiarazione d’intenti controfirmata su documento autenticato, con i loro infiniti commenti gli swifties potrebbero, in alcuni casi, aver colto nel segno. Non una conferma, ma di certo un chiaro messaggio che (la nuovaI) Taylor Swift ha letto i commenti e li ha trovati di suo gradimento.

Alcuni dei riferimenti “confermati”

“Look What You Made Me Do” non è solo una canzone di sdegno nei confronti di persone che l’hanno fatta soffrire: c’è anche una sana dose di revival al suo interno. Per esempio, pensiamo al fatto che nel corso del video la Swift ha potuto ri-indossare gli outfit dei suoi vecchi video. Chissà che nostalgia! Per quanto riguarda invece il rapporto di Taylor Swift con i media, un utente ha fatto presente che la canzone rivela il fastidio della popstar nei confronti del sistema di informazione che di giorno in giorno salta da uno psicodramma all’altro, non curandosi delle persone. Nel video, Taylor coglie l’occasione per “soffocare” la vecchia sé, la ragazza che soffriva per le maldicenze, e rinascere più forte che mai. Un altro utente ha sottolineato invece un dettaglio della scena dell’incidente in auto: Taylor, chiaramente camuffata da Katy Perry, tiene in mano un Grammy sul sedile del guidatore di un’auto in pezzi. I fotografi non ci badano: fotografano solo l’incidente. Questa scena rimarca il punto.

Anche il cruciale momento – di dubbio gusto - in cui la Swift prende in giro Kim Kardashian e la rapina a mano armata che ha subito durante la settimana della moda di Parigi rivela qualche dettaglio del suo bisogno di “vendetta”: pensiamo solo che per quella vasca da bagno piena di gioielli, la Swift ha speso circa 10 milioni di dollari in diamanti. In attesa di scoprire ulteriori dettagli, ci prepariamo al 10 novembre, data di uscita del suo nuovo album “Reputation” e anniversario della morte della madre di Kanye West. Potremmo andare avanti tutto il giorno con questo genere di frecciatine.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky