31 agosto 2017

Emma Watson è la celebrity più influente tra i teenager

print-icon
Emma Watson

Emma Watson supera Beyoncé e Ariana Grande nella classifica delle celebrity più influenti tra i teenager. Lo studio è stato condotto tra oltre 1000 adolescenti, che la preferiscono per le sue posizioni femministe.

Uno studio condotto tra oltre 1000 teenager inglesi ha decretato Emma Watson la celebrity più infuente tra gli adolescenti. La ricerca è stata effettuata dal National Citizen Service, la commissione governativa britannica per i giovani, nell’ambito di un sondaggio svolto dall’Institute of Commercial Management.

Più influente di Beyoncé

L’attrice, lanciata dalla saga di Harry Potter, è stata scelta come celebrity più “ispiratrice” tra 43 nomi di personaggi amati dai giovani, tra cui Beyoncé, Ariana Grande e Zayn Malik. I ragazzi apprezzano particolarmente le posizioni di Emma Watson su temi come il femminismo e la parità di genere. L’utilizzo che la giovane attrice fa della propria fama per veicolare messaggi di tipo sociale la rende molto amata dai teenager: “Usa il potere e la fama che ha acquisito dalla serie Harry Potter per parlare di importanti temi come il femminismo" è stata la motivazione più ricorrente. Al sondaggio hanno partecipato anche giovani musicisti e youtuber, sia eterosessuali che appartenenti alla comunità LGBT, a cui Emma ha sempre dato molto sostegno. Da quando è ambasciatrice ONU per i diritti delle donne, la 27enne attrice britannica ha l’appoggio delle femministe di tutto il mondo. Parlando delle proprie esperienze personali e dando consigli alle ragazze in difficoltà attraverso il suo account Twitter, Emma è diventato un punto di riferimento per i tanti giovani che, in questo modo, si sentono ascoltati, soprattutto se a farlo è una loro beniamina.

L’impegno a favore delle donne

L’attrice ha dimostrato di essere cresciuta da quando, undicenne, vestiva i panni della giovane maghetta Hermione nei film di Harry Potter. Da alcuni anni, Emma Watson è ambasciatrice del settore UN Women delle Nazioni Unite e non perde occasione per promuovere la campagna “He for She”, con una serie di discorsi e comunicati rivolti soprattutto agli uomini: “Uomini, vorrei cogliere questa opportunità per farvi un invito formale. La parità di genere è anche un problema vostro. Perché fino a oggi ho visto il ruolo in famiglia di mio padre considerato meno importante dalla società, nonostante da piccola avessi bisogno della sua presenza tanto quanto quella di mia madre. Ho visto giovani uomini affetti da malattie mentali, incapaci di chiedere aiuto per paura di apparire meno maschi”. I suoi interventi suscitano sempre molto clamore, per l’efficacia e l’uso di parole forti ed esplicite: “Più ho parlato di femminismo e più mi sono resa conto che troppo spesso battersi per i diritti delle donne era diventato sinonimo di odiare gli uomini. Se c’è una cosa che so con certezza è che questo deve finire. Per la cronaca, il femminismo per definizione è la convinzione che uomini e donne debbano avere pari diritti e opportunità: è la teoria dell’uguaglianza tra i sessi – politica, economica e sociale”. In seguito ad alcune dichiarazioni, la giovane Emma ha avuto anche minacce di morte e qualcuno ha pensato bene di diffondere notizie false su presunte foto compromettenti dell’attrice, a dimostrazione che c’è ancora molto da lavorare perché nel mondo vi sia una reale parità di genere.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky