Caricamento in corso...
13 settembre 2017

Tim Roth: "Sono duro nel lavoro ma sdolcinato nella vita"

print-icon
Tim Roth

Sul set interpreta sempre ruoli da duro, come quello del poliziotto nella serie “Tin Star”, dal 12 settembre in onda su Sky Atlantic. Ma nella vita Tim Roth è un inguaribile romantico, un uomo molto dolce…e un gran rompiscatole!

Siamo abituati a vederlo in ruoli in cui interpreta uomini forti e decisi, come la iena per Quentin Tarantino o il poliziotto nella serie “Tin Star”, ma Tim Roth è totalmente diverso, anzi, dice di essere uno sdolcinato rompiscatole.

Tim Roth è Jim Worth nella nuova serie di Sky Atlantic

Da ieri sera, gli appassionati di serie televisive, possono ammirare l’attore nei panni di Jim Worth nella serie Tin Star, in onda ogni martedì su Sky Atlantic. Roth interpreta un poliziotto londinese che vive con la moglie e i due figli in una piccola cittadina canadese, Little Big Bear. Alcuni avvenimenti fanno emergere una parte nascosta di Jim, violenta e “criminale”. Il poliziotto si trova, così, a dover fare i conti con questa doppia personalità, che porterà tensione sul lavoro e nei rapporti familiari. Un personaggio duro, difficile, come i tanti altri interpretati dall’attore inglese. Tim Roth è uno degli attori preferiti da Quentin Tarantino, con cui ha girato, oltre al già citato “Le Iene”, anche “Pulp fiction”, “Four Rooms” e “The Hateful Eight”, tutti film in cui il sangue e la violenza la fanno da padrone. L’attore è stato, inoltre, il perfido Generale Thade nel “Pianeta delle scimmie” di Tim Burton, il padre torturato con tutta la famiglia in “Funny Games” di Michael Haneke e Archibald Cunningham in “Rob Roy”, personaggio freddo e cinico che gli è valso una candidatura agli Oscar nel 1995. Insomma, la carriera di Tim Roth pare costellata di personaggi duri e violenti, seppure con qualche breve parentesi “buona” con “La leggenda del pianista sull’oceano” di Giuseppe Tornatore, in cui interpretava il pianista Novecento. Ma, in una recente intervista a Vanity Fair, l’attore inglese dice di essere, in realtà, un uomo molto dolce e anche piuttosto rompiscatole.

L’inconfessabile segreto sugli abusi

Tim Roth è oggi un uomo apparentemente molto sereno, ha una storia da 25 anni con la stessa donna, la stilista Nikki Butler, da cui ha avuto due figli: Timothy, di 22 anni e Cormac, di 21. Della moglie, Roth dice: “Siamo sposati da 25 anni, è una figata, no? Sono un gran rompiscatole, così mi dicono, ma sono decisamente sdolcinato”. Tim Roth ha anche un altro figlio, Jack, di 33 anni, nato dalla relazione con la produttrice Lori Baker. L’attore inglese – che vive in California con la famiglia – è anche una persona di spirito ed è molto propenso alle battute. Roth ha dovuto lavorare molto per raggiungere questa serenità psico-fisica di adesso, visti gli abusi sessuali subiti dal nonno quando era solo un ragazzino. Il nonno aveva abusato anche del padre e questa vicenda ha influenzato profondamente la vita dell’attore. Per esorcizzare il dolore delle violenze subite, Roth ha scritto un film, “Zona di Guerra”, che racconta di un padre che abusa della figlia. Grande appassionato di tatuaggi, l’attore ne fa uno per ogni evento importante della propria vita, e ha dedicato l’ultimo proprio al film “Zona di Guerra”. Tim Roth è apparso anche nel nono episodio di Twin Peaks, insieme a Jennifer Jason Leigh, già sua partner in The Hateful eight.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky