21 settembre 2017

Emma Stone si confessa: "la mia vita a combattere l'ansia"

print-icon
Emma Stone

Anche un’attrice sulla cresta dell’onda come Emma Stone può soffrire di ansia e di attacchi di panico. Proprio così: l’attrice premio Oscar ha confessato di combattere con l’ansia fin da quando era bambina.

A guardarla sui red carpet e sui set dei più importanti film degli ultimi anni, non si direbbe che una star come Emma Stone abbia disturbi legati all’ansia e agli attacchi di panico. Eppure la bella attrice, premio Oscar per “La La Land”, ha confessato di soffrire di ansia fin da quando aveva solo sette anni.

Il piccolo mostro verde che ti divora

In una recente intervista per promuovere il suo ultimo film, “La battaglia dei sessi”, in cui interpreta la campionessa di tennis – e grande femminista – Billie Jean King, l’attrice ha dichiarato di essere in terapia per curare l’ansia da quando era bambina. Nello show, Emma Stone ha mostrato anche un disegno fatto da lei in una delle sedute con lo psicologo. Sul foglio, sotto la scritta “Io sono più grande della mia ansia”, c’era disegnata una bambina – la stessa Emma – con accanto una figura verde molto sottile. “È un piccolo mostro verde che sembra quasi, come ha detto qualcuno prima dietro le quinte, un utero con le ovaie. Ma non significa che fosse legato agli ormoni, anche perché avevo solo nove anni”, spiega l’attrice. Emma ha dichiarato di aver avuto comunque dei benefici dalla terapia, soprattutto per la cura degli attacchi di panico, che erano molto frequenti da bambina. L’attrice ha aggiunto di non soffrire più di questi attacchi ma l’ansia le è rimasta. Non è la prima volta che Emma Stone confessa di lottare contro questo disturbo, in passato l’attrice ha raccontato di essersi avvicinata alla recitazione proprio per cercare di contrastare i continui attacchi di ansia. La Stone ha cominciato a recitare presso un teatro per bambini, su consiglio del suo terapeuta. Le lezioni di teatro, soprattutto quelle legate all’improvvisazione, hanno giovato moltissimo alla carriera e al superamento del problema legato all’ansia.

Il talento di Emma

Nonostante questi problemi, Emma Stone è considerata l’attrice più talentuosa della sua generazione e i numerosi premi vinti a soli 28 anni ne sono la conferma. Figlia di una casalinga e dell’amministratore delegato di un’azienda, Emily si trasferisce a Los Angeles a 15 anni, dall’Arizona. Comincia a lavorare come commessa e a fare provini su provini, sia per la tv che per il cinema, fino a che non viene presa per la parte di Olive nella commedia “Easy Girl”, nel 2010. Nel giro di pochi anni la sua vita cambia radicalmente, i registi cominciano ad accorgersi di lei e a volerla nei loro film. In “Crazy, Stupid, Love” fa coppia con Ryan Gosling, che ritroverà in “La la land”, il film per cui ha vinto il Premio Oscar come miglior attrice protagonista. Woody Allen la vuole per due dei suoi film, “Magic in the Moonlight” e “Irrational man”, con “Birdman”, invece, partecipa al successo della pellicola vincitrice dell’Oscar come miglior film del 2014. E adesso questa nuova sfida, nei panni della tennista Billie Jean King nel film “La battaglia dei sessi”. Interpretare questo ruolo è stato molto difficile per l’attrice, che ha dovuto imparare a giocare a tennis e che ha stravolto le sue sembianze, per adattarsi a quelle della tennista. Il film arriverà in Italia il prossimo 19 ottobre ma ha già avuto un’ottima accoglienza al Toronto International Film Festival.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky