18 ottobre 2017

Lena Headey di Game of Thrones: "Anch'io molestata da Weinsten"

print-icon
Lena Headey di Game of Thrones

Harvey Weinstein ha molestato anche Lena Headey, l’attrice che interpreta Cersei Lannister in Game of Thrones. Anche per lei sono state usate le stesse modalità adottate con le altre donne, con le conseguenti minacce finali.

Continuano a uscire allo scoperto le attrici che sono state molestate dal famoso regista Harvey Weinstein: tra queste c’è anche Lena Headey di Game of Thrones.

La denuncia di Lena

«La prima volta che ho incontrato Harvey Weinstein è stata al Festival di Venezia nel 2005. A un certo punto mi ha chiesto di andare a fare una passeggiata sulla spiaggia, sono andata e lui si è fermato iniziando a fare gesti, commenti allusivi. Io ci ho riso sopra, ero sinceramente scioccata, ricordo di aver pensato che era sicuramente uno scherzo, ho detto una cosa tipo “Dai, bello! Sarebbe come baciare mio padre! Andiamo a prendere da bere, torniamo indietro dagli altri”. Non ho mai più recitato in un film della Miramax». Questa la denuncia di Lena Headey, l’attrice che interpreta Cersei Lannister in Game of Thrones. La disavventura non è però finita lì dato che Lena Headey ha incontrato Weinstein una seconda volta per un potenziale ruolo da interpretare in un film. La star di Game of Thrones ha raccontato che prima il regista ha iniziato a farle domande sulla sua vita sentimentale, e poi l’ha invitata nella sua camera d’albergo per dare un’occhiata agli script. «Siamo entrati nell’ascensore e c’è stato un aumento della tensione, tutto il mio corpo è entrato in regime di allerta. L’ascensore continuava a salire e io ho detto a Harvey che non ero interessata a nulla che non fosse lavoro, e di non pensare che stavo andando nella sua stanza per altre ragioni, e che nulla sarebbe successo».

La furia di Weinstein

Qual è stata la reazione di Harvey Weinstein? Secondo quanto detto da Lena Headey, abbastanza scomposta: il regista si sarebbe infatti infuriato, spingendola verso la stanza con le mani premute sul posteriore. La carta per entrare nella camera però non stava funzionando, cosa che ha spinto Weinstein ad arrabbiarsi ancora di più: a quel punto ha portato Lena Headey all’uscita dell’hotel, minacciandola di non dire a nessuno di quando avvenuto, né al suo manager, né al suo agente. «Sono entrata in macchina e sono scoppiata a piangere», ha rivelato.

Lo scandalo Weinstein

Lo scandalo di Harvey Weinstein è scoppiato solo di recente dopo un’intervista pubblicata sul New York Times, dove diverse attrici che hanno avuto a che fare con il regista hanno denunciato quanto subito nel corso della loro carriera. Da Asia Argento a Cara Delevingne, da Angelina Jolie a Gwyneth Paltrow, sono decine le donne molestate e costrette a rapporti sessuali da Harvey Weinstein: solo oggi, a più di trent’anni di distanza, si è saputo cosa accadeva veramente dietro le quinte di Hollywood. Il regista si è rinchiuso adesso in una clinica per dipendenti dal sesso che costa circa 40mila dollari al mese, e non si sa ancora se quanto accaduto avrà conseguenze legali per lui o meno. La moglie lo ha lasciato, e anche la Miramax Films lo ha scaricato, licenziandolo. Sabato scorso l’Academy lo ha eliminato dalla giuria degli Oscar, e nessuno sembra volerlo avere vicino: una brutta fine per quello che si credeva essere un colosso di Hollywood, e che invece oggi è crollato di fronte a tutto ciò che ha fatto in passato. 

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky