19 ottobre 2017

Tutto sulla faida tra Justin Bieber e Marilyn Manson

print-icon
Justin Bieber e Marilyn Manson

Marilyn Manson ha attaccato ancora una volta Justin Bieber insultandolo durante un’intervista. Come mai il reverendo rock non sopporta il tenero e dolce cantante canadese? Forse proprio per questo: a Satana non piacciono gli angioletti con gli occhi azzurri.

Se pensavate che la faida tra Justin Bieber e Marilyn Manson fosse finita con una pacca sulla spalla e una stretta di mano vi sbagliavate di grosso, perché il reverendo rock ha dato un altro affondo alla popstar canadese.

“Bigger than Satan… Bieber”: grosso errore

Nelle ultime settimane il mondo della musica aveva tenuto il fiato sospeso per le parole che Marilyn Manson aveva rivolto a Justin Bieber, il cantante canadese idolo dei ragazzini di tutto il mondo. In effetti che tra i due non scorra buon sangue proprio a livello di appartenenza sociale è abbastanza palese a chiunque abbia un paio di occhi e orecchie per intendere: uno è il rocker shock che tante volte ha fatto richiami al satanismo nei suoi testi e concerti, l’altro è un biondino canadese che si è tatuato “figlio di Dio” sul petto e la domenica va in Chiesa. Due mondi diversi, che adesso si stanno scontrando – con buona pace di chi sperava ci potesse essere un giorno un duetto tra Justin Bieber e Marilyn Manson. Tutto è iniziato quando il cantante di “The Dope Show” ha rilasciato un’intervista in cui ha lanciato tutta una serie di insulti contro Justin, reo di aver indossato delle t-shirt con la faccia di Manson e la scritta “Più grande di Satana… Bieber” durante il Purpose Tour, e di averle anche messe in commercio. «La prima volta che l'ho incontrato aveva ancora addosso la maglietta con la mia faccia. E mi ha detto: ti ho fatto tornare famoso. È stato un vero pezzo di m***a a dirmelo con quell'arroganza. Faceva tanto il simpatico, tipo “Hey fratello”, e mi toccava mentre mi parlava. Io gli ho detto: devi stare al tuo posto. Mi arrivi al c***o. Ok? Quindi stai calmo figliolo».

Impossibile dimenticare

Ma Marilyn Manson ha deciso che il suo divertimento non doveva finire lì con Justin Bieber. «Gli ho detto che avrei fatto il soundcheck allo Staples Center e avrei fatto Beautiful People. Ci ha creduto ed è venuto, perché era proprio quel tipo di stupido». Marilyn Manson ha anche diffidato Justin Bieber dal vendere le t-shirt con il suo volto stampato sopra, e il cantante ha quindi ritirato immediatamente le magliette dal merchandising del Purpose Tour. Ma Marilyn Manson sembra conoscere bene il significato del detto “legarsela al dito”, e anche dopo che la faccenda si è conclusa non ha potuto fare a meno di ricordare a Justin Bieber chi è comanda. Dopo l’intervista rilasciata da Marilyn Manson, sembra che il cantante di “Sorry” gli abbia mandato un messaggio per scusarsi e chiedere come mai ce l’avesse ancora con lui. Il passo successivo di Manson è stato quello di dichiarare pubblicamente che Bieber è un bravo ragazzo in realtà, e che avrebbe pensato volentieri a una collaborazione musicale. I fan dei due colossi non hanno fatto nemmeno in tempo a farsi venire l’acquolina in bocca però, che Marilyn Manson ha lanciato un altro affondo contro Justin Bieber: «È invischiato in una solta di culto religioso a sfondo sessuale con la versione asiatica di Dave Navarro», ha sentenziato. E poi ha aggiunto: «Non mi piace litigare con le ragazzine, quindi non voglio litigare con Justin Bieber». Chissà quali altre perle ci riserveranno i prossimi giorni.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky