30 ottobre 2017

Kevin Spacey fa coming out dopo l'accusa di molestie

print-icon
Kevin Spacey fa coming out dopo l'accusa di molestie

Accusato di molestie dall’attore Anthony Rapp, Kevin Spacey chiede scusa con un post sul suo profilo Twitter e ammette: «sono gay».

Attore statunitense classe 1971, Anthony Rapp – nei giorni scorsi – ha lanciato una pesante accusa contro Kevin Spacey: «Mi ha molestato quando avevo 14 anni, e lui ne aveva 26», ha dichiarato. La risposta di Spacey non si è fatta attendere: con un lungo post sui social, il protagonista di House of Cards ha chiesto scusa, prima di fare coming out.

L’accusa di molestie

«Ho molto rispetto e ammirazione per Anthony Rapp come attore. Ascoltare le sue parole mi ha sconvolto. Sinceramente non ricordo quell’incontro, sono passati più di trent’anni. Ma se mi sono comportato come lui ha raccontato, gli porgo le mie più sincere scuse per quello che in quel caso sarebbe stato un comportamento inappropriato, probabilmente frutto dell’alcool. Mi dispiace che quelle sensazioni se le sia portate appresso per tutti questi anni»: inizia così il lungo post pubblicato sul suo profilo Twitter da Kevin Spacey. Dopo la “bomba” del caso Weinstein, infatti, molte sono le star ad essere state accusate di molestie. Registi, costumisti, truccatori. Persino attori. E, l’ultimo in ordine di tempo, è stato proprio Kevin Spacey, protagonista di inappropriate avances nei confronti di Anthony Rapp nel 1986. Nel corso di un’intervista a BuzzFeed News, Rapp ha raccontato di come – in quel periodo – lui e Spacey si trovassero entrambi a Broadway per alcuni spettacoli. Kevin lo avrebbe invitato a casa sua per una festa e, alla fine della serata, lo avrebbe afferrato e spinto sul letto. Solo oggi, Anthony ha trovato il coraggio di raccontare quell’esperienza: «mi si aggroviglia lo stomaco. Ancora adesso, non riesco a ricordare con chiarezza tutti i dettagli di quel momento», ha confessato. «La mia non è una lamentela. Voglio semplicemente accendere un altro riflettore su decenni di buio, in cui queste persone hanno continuato a comportarsi in un certo modo perché altre sono state zitte. Io per primo. Sono contento che le cose stiano cambiando, e spero che questo possa fare la differenza», ha dichiarato Anthony Rapp. «Quando sono arrivato a casa di Kevin Spacey, ero l’unico minorenne. Non conoscevo nessuno, mi stavo annoiando. Così sono finito in camera, mi sono seduto sul letto e ho iniziato a guardare la televisione. Ad un certo punto, ho visto Kevin fissarmi dalla porta. Eravamo da soli, tutti gli altri se ne erano andati, e credo fosse ubriaco. Mi ha preso in braccio come uno sposo prenderebbe la sua sposa, e mi ha sbattuto sul letto. Ha provato a sedurmi, e anche se non ricordo esattamente le parole che mi disse, sono sicuro che provò a molestarmi». Anthony riuscì a liberarsi dalla stretta dell’attore e si rifugiò in bagno. Quando ne uscì, Kevin lo accompagnò alla porta. E tutto finì.

Il coming out

Ma, sui suoi social, Kevin Spacey non si è solamente scusato. Ha anche colto l’occasione per fare coming out. «Questa storia mi ha incoraggiato a tirar fuori altri aspetti della mia vita. So che girano molte voci su di me, e so che molte sono dovute alla privacy dietro cui mi trincero. Ma come sanno le persone che mi sono più vicine, nella mia vita ho avuto relazioni con donne e con uomini. Ho amato e ho avuto incontri romantici con persone del mio stesso sesso per tutta la vita, e ho scelto di vivere da uomo gay. Voglio affrontare questa cosa con onestà e con apertura, e voglio iniziare ad analizzare il mio comportamento», ha scritto. Confermando così quel gossip che da sempre ruotava attorno al suo nome.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky

500 Cannot find class apps.skyit.components.pages.menu.SightlyJava_footer.