17 novembre 2017

La moglie di Harvey Weinstein chiede il divorzio dopo la separazione

print-icon
Harbey Weinstein e Georgina Chapman

La moglie di Harvey Weinstein, Georgina Chapman, è decisa a non avere più nulla a che fare con il marito: tanto che a solo un mese dalla separazione ha già chiesto il divorzio.

Le brutte notizie arrivano una dopo l’altra per Harvey Weinstein: sembra che la moglie Georgina Chapman abbia chiesto il divorzio senza nessuna possibilità di appello.

Un matrimonio finito

Forse sperava di salvare almeno il suo matrimonio Harvey Weinstein, il magnate di Hollywood caduto in rovina dopo le pesanti accuse di violenza sessuale mosse nei suoi confronti. Licenziato dalla società che ha contribuito a fondare, la Miramax Films, è stato anche abbandonato dalla moglie e dai figli, che hanno fatto i bagagli appena esploso lo scandalo. Se inizialmente Harvey Weinstein era ottimista sul suo rapporto con Georgina Chapman, adesso deve fare un passo indietro e ingoiare quest’ennesimo boccone amaro: secondo quanto riportato da People, la stilista avrebbe chiesto il divorzio, convinta di non voler avere più nulla a che fare con lui per tutta la sua vita. «Georgina sta bene, continua a concentrarsi sulla famiglia e sul lavoro. Non vuole più essere sposata con Harvey, vuole il divorzio. Non è un caso che stia facendo le cose così in fretta. È una mamma straordinaria ed è molto protettiva con i suoi figli. Sta cercando di tenere un profilo basso. Non ha nessuna intenzione di concedere interviste, non è nel suo stile. È una donna molto riservata». Georgina Chapman ha avuto parole molto dure nei confronti del marito quando è venuta a conoscenza delle violenze sessuali nei confronti delle attrici. «Ho il cuore a pezzi per tutte queste donne che hanno sofferto terribili pene a causa delle sue azioni imperdonabili. Ho deciso di lasciare mio marito. I miei figli ora hanno la priorità e chiedo ai media un po' di privacy in questo momento».

La vita di Weinstein oggi

Harvey Weinstein e Georgina Chapman si sono sposati nel 2007 e insieme hanno due bambini, di sette e quattro anni. «So che ha dovuto lasciarmi per il bene dei nostri ragazzi, per lei stessa e per la sua azienda, visto che dà lavoro a 130 persone. Non voglio che né lei né i miei bambini soffrano di più di quanto non abbiano già sofferto apprendendo queste notizie. Amo Georgina e spero che un giorno potremmo riconciliarci sebbene al momento non so se possa essere possibile», ha detto Harvey Weinstein subito dopo che Chapman ha lasciato la loro casa. Adesso il produttore sta cercando di evitare ogni riflettore mediatico e, forse per correre ai ripari in maniera tardiva, si è ricoverato spontaneamente in una clinica per dipendenti dal sesso. Questo di certo non gli impedisce di uscire. Weinstein è stato visto a cena con due donne solo qualche sera fa in un ristorante poco fuori Phoenix: vestito di nero e con gli occhiali da sole, era lo stesso perfettamente riconoscibile. Mentre cerca di tenere un basso profilo, continuano a parlare le donne che sono state vittime di abusi e violenze: la lista di attrici che sono incappate nelle sue molestie si allunga inesorabilmente e sempre più persone si stanno chiedendo se a questo corrisponderà prima o poi un procedimento legale. In ogni caso Harvey Weinstein ha scoperchiato un vaso di pandora: un vaso che è stato impossibile richiudere e dal quale stanno uscendo nomi. Nomi di insospettabili, che ora stanno perdendo tutto.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky