Caricamento in corso...
10 giugno 2011

La "Foca" si manifesta

print-icon
vis

L'Atelier Gluck di Milano omaggia con una mostra dal titolo "W la Foca" (dal 22 giugno al 1° luglio) il bmovie italiano degli anni '70 e '80

La mostra "W la Foca" all'Atelier Gluck Arte di Milano (dal 22 giugno al 1° luglio) celebra attraverso l'esposizione di 100 manifesti il genere della commedia sexy degli '70 e '80. GUARDA LA FOTOGALLERY

Guarda anche:
I manifesti della mostra
Made in Italy: l'album del cinema italiano
Ieri, Lory e domani
Spiando Edwige
Le foto di Anna Maria Rizzoli
Le foto di Carmen Russo

di Massimo Vallorani

Ci voleva un geniaccio come Quentin Tarantino e la sua decisiva benedizione per sdoganare definitivamente il nostro cinema di serie b degli anni 70 e 80. Quello che veniva più prosaicamente cinema di "chiappa e spada" e vedeva nelle sue file una serie di attori e attrici bravi e diventati oramai oggetti di vera e propria venerazione. Chi non ricorda Lino Banfi e Gianfranco D'Angelo, Alvaro Vitali e Franco e Ciccio, Renzo Montagnani, Jimmy il Fenomeno, Pippo Franco, Mario Carotenuto, Lando Buzzanca, Tomas Millian, e Bombolo. Per non parlare delle bellezze da loro spiate dall'immancabile buco della serratura: da Edwige Fenech a Anna Maria Rizzoli, da Lory Del Santo e Nadia Cassini, fino a Carmen Russo, Gloria Guida e Barbara Bouchet, tutte donne bellissime che han fatto impazzire milioni di italiani.

Ebbene, proprio per onorare quel pubblico che affollava le sale cinematografiche di provincia e non solo, è nata l'idea di una mostra all'Atelier Gluck Arte di Milano (dal 22 giugno al 1° luglio) dal titolo quanto mai significativo "W la Foca" . Un omaggio particolare e divertente a questo genere squisitamente italiano che rende giustizia ad un genere troppo spesso bistrattato. La mostra raccoglie più di 100 manifesti originali: si va da "Quel gran pezzo della Ubalda tutta nuda e tutta calda" (1972) con una Edwige Fenech in gran forma, a pellicole quasi dimenticate, perse, ritrovate, svalutate e rivalutate, proprio come il mitico "W la foca" (1982) che dà il titolo alla mostra stessa.

Un percorso attraverso un genere tutto da ridere e da riscoprire attraverso dei pezzi originale e che svela anche degli aspetti insoliti: la maestria di quei veri e propri artisti che disegnavano a mano i manifesti per questi film riassumendo in pochi (geniali) tratti il senso comico e un po' scollacciato della pellicola senza mai cadere in una volgarità gratuita, oppure cadendoci alla grande ma sempre con gusto e ironia consapevole.

Ironia e competenza anche affidata alle mani esperte del giornalista e critico cinematografico Filippo Mazzarella che, il giorno dell'inaugurazione della mostra (il 22 giugno), traccerà un breve percorso nella storia di questo momento indimenticabile del nostro cinema.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky