Caricamento in corso...
24 marzo 2017

Kim Kardashian si affida al guru delle star

print-icon
Kim Kardashian si affida al guru delle star

L’ultimo step per cercare di superare un trauma è quello di affidarsi a qualcuno che ha aiutato le persone per tutta la vita: così Kim Kardashian ha deciso di andare da Tony Robbins, il guru delle star, per provare a trovare di nuovo la serenità che le è stata strappata.

Per superare il brutto periodo di ansia dovuto al trauma subito in seguito alla rapina che le è stata fatta a Parigi, Kim Kardashian ha deciso di rivolgersi a Tony Robbins, il guru delle star.

Kim Kardashian da Tony Robbins per superare il trauma di Parigi

“Trasformare la paura in forza”, questo è il motto di Tony Robbins, il guro numero uno sulla lista delle star: è a lui quindi che si è rivolta Kim Kardashian, che non ha ancora superato il trauma subito a Parigi, quando è stata brutalmente legata e rapinata nella stanza d’albergo in cui si trovava. Kim è stata accompagnata all’incontro, della durata di tre giorni, non solo dal marito Kanye West, ma anche da Kourtney e Khloe Kardashian e Kendall Jenner, che hanno scelto di supportarla in questo percorso di rinascita. Per permettere a sua moglie di stare il più vicino possibile a Tony Robbins, Kanye West ha comprato il “Diamond Premiere package”, un pacchetto esclusivo che ha pagato 3mila dollari. Kim Kardashian è stata entusiasta di questa esperienza, e insieme alle sue sorelle ha continuato a pubblicare foto sui social network in cui ha documentato l’incontro con Tony Robbins. Al suo entusiasmo hanno partecipato anche Kortney e Khloe Kardashian e Kendall Jenner, che hanno più volte ripetuto che quello era il giorno migliore della loro vita, con tanto di urla e salti come fossero a un concerto. Tony Robbins è molto famoso nell’ambiente delle star: l’uomo (che è un vero e proprio gigante, alto più di due metri) ha detto di essere stato consulente personale di molti vip e uomini politici, tra cui Bill Clinton e Donald Trump: riuscirà ad aiutare Kim Kardashian a superare le sue paure?

Una brutta esperienza difficile da superare

Dopo la rapina subita a Parigi durante la Fashion Week, Kim Kardashian non è più riuscita a dormire sonni tranquilli: la regina dei reality ha subito un trauma molto forte dovuto al fatto che era convinta di morire in quella stanza d’albergo. I rapitori, vestiti da poliziotti, l’hanno legata e chiusa nel bagno, ma le hanno anche puntato una pistola alla testa: più volte Kim ha raccontato di aver pensato che le avrebbero sparato e che sua sorella Kourtney avrebbe avuto la vita rovinata per sempre quando avrebbe trovato il suo corpo riverso in un lago di sangue. Kim Kardashian era infatti rimasta da sola in albergo perché la sua guardia del corpo aveva accompagnato la sorella in discoteca: i rapitori sapevano che non c’era nessuno a controllare per la sicurezza di Kim, ed è stato a quel punto che si sono fatti avanti travestiti da poliziotti. La refurtiva non è mai stata recuperata, anche se la maggior parte dei malviventi sono stati arrestati e tradotti in carcere.

Bisogno di aiuto

Kim Kardashian è una donna molto forte e non ha mai avuto bisogno di appoggiarsi a persone esterne per avere successo nella vita: questa volta però non riesce a uscirne da sola, per questo ha deciso di provare a chiedere aiuto a Tony Robbins. Il trauma subito è troppo grande per poterlo superare come se nulla fosse, ma di certo il suo è l’atteggiamento giusto per lasciarsi le brutte esperienze alle spalle.  

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky