05 aprile 2017

Kendall Jenner offre una Pepsi al poliziotto: lo spot fa discutere

print-icon
Kendall Jenner offre una Pepsi al poliziotto

Ancora polemiche per Kendall Jenner, che stavolta è stata accusata di atteggiamenti mistificatori nei confronti delle forze dell’ordine in una pubblicità della Pepsi. Il motivo? Secondo l’opinione pubblica non avrebbe tenuto conto del problema delle violenze della polizia negli Usa.

Kendall Jenner è finita nella bufera per una pubblicità della Pepsi dove la supermodella offre la bibita a un poliziotto: il web è insorto contro di lei, ecco per quale motivo.

Il gesto di pace scatena la guerra

Una protesta massiccia invade gli Stadi Uniti D’America: “Peace” e “Enjoy the conversation”, sono le parole d’ordine di una manifestazione che inonda le strade della città, che vede sempre più persone scendere allegramente in piazza e raggiungere il corteo. Questo il tema del video di cui è protagonista la supermodella Kendall Jenner, che nella clip indossa una parrucca bionda e sta realizzando un servizio fotografico per una rivista di moda. La ragazza di casa Kardashian inizia a guardare con attenzione quel fiume di gente che le scorre davanti, fin quando un ragazzo incrocia il suo sguardo, le fa un cenno, e lei decide di raggiungere la manifestazione. Ecco che allora Kendall si libera della parrucca bionda, si leva con rabbia il rossetto dalle labbra e raggiunge il corteo, dove inizia a ballare e urlare slogan. Prende una Pepsi dal carrello ma, quando sta per berla, decide di darla a un poliziotto, che accetta sorridendo quell’inaspettato regalo. Come mai tanto clamore intorno a questa pubblicità? Semplice: negli Stati Uniti è in corso una grossa polemica che mette al centro del discorso la brutalità delle forze dell’ordine contro non solo i manifestanti, ma anche e soprattutto contro le persone di colore, che spesso muoiono durante i fermi dalla polizia. Secondo le persone che hanno criticato il video di Kendall Jenner, la modella starebbe trattando in maniera molto superficiale e mistificatoria il vero atteggiamento delle forze dell’ordine, che non sarebbero così ben disposte durante delle situazioni in cui si verificano delle vere manifestazioni di piazza. “La cosa buffa è che se un uomo di colore si mette le mani in tasca per dare una Pepsi a un poliziotto durante una protesta, gli viene immediatamente sparato addosso”, scrive un ragazzo commentando il video della polemica. Per adesso Kendall Jenner non ha ancora commentato l’accaduto ma, viste le numerose polemiche create dalla pubblicità, è probabile che prima o poi sia costretta a prendere parola.

Una storia che si ripete

Già lo scorso anno Kendall Jenner era stata al centro delle polemiche per un servizio fotografico realizzato con Vogue Spagna, dove la modella era stata vestita come una ballerina. I professionisti del balletto si erano molto indignati chiedendo perché la celebre rivista di moda non avesse usato danzatori seri per lo shooting, e dicendo che Kendall Jenner in quel modo aveva sminuito la loro professione. In quel caso la risposta della modella non era tardata ad arrivare: “È così divertente che le persone hanno figli, si sposano, vivono dei drammi assurdi – e il mio incubo è invece che le ballerine siano arrabbiate con me! Quando ho realizzato il mio servizio fotografico a Vogue non sapevo nemmeno che sarei stata una ballerina fino a che non mi hanno fatto il trucco e i capelli. Non ho mai detto di capire qualcosa di danza e non l’ho mai praticata prima. Ho solo fatto il mio lavoro”. Che Kendall Jenner replichi una cosa del genere anche per la pubblicità della Pepsi? Staremo a vedere.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky