28 aprile 2017

Kim Kardashian: ecco com'è diventata così ricca

print-icon
Kim Kardashian: come è diventata ricca

Kim Kardashian proviene da una famiglia facoltosa, ma il suo grande successo lo deve ad un fisico scultoreo e al suo ineguagliabile fiuto per gli affari. Ecco come la bella socialite è diventata così ricca e popolare.

Tutti la conosciamo per il sex-tape che l’ha portata a diventare una delle celebrità del reality show più seguito nella storia della televisione. Kim Kardashian però non è solo telecamere e provocazioni: la sua immagine si è costruita nel tempo e nel nostro ideale collettivo grazie ai suoi business da milioni di dollari e, naturalmente, al culto del Selfie di cui lei è regina indiscussa. Lo sfarzo quasi oltraggioso dei suoi scatti su Instagram ci fa chiedere spesso quale sia l’origine di un successo che le garantisce un tenore di vita così alto. Insomma, quanto vale la procace Kim Kardashian?

All’inizio era un video hot

Quando il suo video sexy imperversava per internet, pensavamo si trattasse solo di una fama passeggera. Kim, bella e furba, è però riuscita a cavalcare l’onda del successo facendo di quella temporanea popolarità un trampolino di lancio per il suo business. Kim Kardashian ha fiuto: conosce il valore delle notizie e sa quando farle uscire per massimizzare il loro effetto sul pubblico. Nel 2016 Forbes l’ha inserita al 42esimo posto della classifica Celebrity 100 grazie ai suoi introiti, che superano i 50 milioni di dollari l’anno.

Com’è diventata così ricca?

Gran parte della sua ricchezza deriva dal successo sconvolgente del suo reality show “Al passo con i Kardashian” prodotto dalla E!. Il programma mostra la vita quotidiana di Kim e delle sue sorelle, figlie di un facoltoso imprenditore statunitense amico di O. J. Simpson. Si vocifera che ai tempi dei primi episodi il suo cachet ammontasse a 15 mila dollari a puntata. Praticamente noccioline, rispetto a quello che la attende. Il suo compenso cresce con la popolarità dello show e totalizza oltre i 15 milioni di dollari, con un bonus di altri 5 qualora fosse riuscita a coinvolgere anche suo marito Kanye West a partecipare allo show.

Da qui è tutto in discesa, o quasi: rilascia una App, Hollywood, che in meno di tre anni raccoglie oltre 45 milioni di download in tutto il mondo e che, da sola, genera un profitto di oltre 150 milioni di dollari. La sua celebrità online diventa virale quando, nel dicembre 2015, rilascia una linea di emoji che travolgono il web ed entra nella nostra vita di tutti i giorni. Kim Kardashian riesce a tastare il posto della comunità televisiva e online: il suo fiuto per gli affari le permette di individuare con precisione le tendenze di mercato e dominarle senza esclusione di colpi. Questo è il segreto dietro la popolarità di Kim, per cui la parola ‘ virale’ è banale quotidianità.

Kim conquista il mondo del fashion

Nel 2006 Kim e le sue sorelle, Kourtney e Khloe, aprono la loro prima boutique d’abbigliamento: D-A-S-H. Segue la cordata di investitori che, credendo nel suo talento, le permettono di aprire l’esclusivo ShoeDazzle, un sito web dedicato a scarpe e accessori. ShoeDazzle conta oggi oltre tre milioni di account attivi e richiede un abbonamento mensile. Arriva poi la Kardashian Kollection, una linea disegnata dalle sfavillanti sorelle per Sears e che sembra sia fruttata circa 600 milioni di dollari solo nel 2013. Segue Kardashian Beauty, un marchio di bellezza che è anche una garanzia di successo, con il quale ha potuto aiutare Kylie Jenner, la sorellina, ad emergere con la sua collezione personale.

Un profilo social da mezzo milione di dollari

Se pensi che la tua attività dovrebbe essere pubblicizzata sul profilo Instagram di Kim Kardashian, forse dovresti metterti in coda e prepararti a sborsare una cifra non inferiore al mezzo milione di dollari. Inoltre, il tuo prodotto deve tassativamente allinearsi al suo tenore di vita e al suo modo di essere: si dice che Kim rifiuti tantissime proposte ogni giorno perché non conformi alla sua immagine.

I paparazzi

Non è certo un segreto che le dive di tutto il mondo paghino i paparazzi per lasciarsi “inavvertitamente” fotografare in contesti privati. Scalare il ripido picco degli ascolti significa anche questo: sapere esattamente qual è il momento più adatto a mettersi in mostra. In cambio? Parte dei profitti, naturalmente, e tutta la visibilità che si può ottenere da uno scatto “rubato” al momento giusto. In merito all’ultima paparazzata che la vede come protagonista, dove sarebbe stata pizzicata con un lato B al naturale, Kim è tranquilla. Qualche ora fa ha twittato: «Oh, io? Me ne sto qui, seduta comodamente sulla spiaggia, nel mio corpo perfetto».

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky