Caricamento in corso...
08 giugno 2017

Da Sky Arte a Bellaria Igea Marina...Vai col Liscio

print-icon
rao

Raoul Casadei con la sua Orchestra Spettacolo

Sky Arte dal 14 giugno, per tre mercoledì alle ore 21.15, racconta la storia del folk romagnolo in un triplice appuntamento intitolato Vai col Liscio. Inoltre il 10 giugno a Bellaria Igea Marina va in scena la seconda edizione de La Notte del Liscio. Parliamo del fenomeno Liscio con Mirko Casadei

di Fabrizio Basso
(@BassoFabrizio)


E davvero è tutto un andare col liscio. Da Bellaria Igea Marina al Biografilm Festival di Bologna fino a Sky Arte, che a partire dal 14 giugno, per tre mercoledì alle ore 21.15, racconta la storia del folk romagnolo in un triplice appuntamento intitolato Vai col Liscio e che annovera, tra i testimoni di questo fenomeno, Lorenzo Jovanotti, Goran Bregovic, Elio delle Storie Tese e Vinicio Capossela. Oltre al maestro Raoul Casadei e la voce di Ivano Marescotti. Per entrare in armonia con questo fenomeno abbiamo intervistato Mirko Casadei, dal Duemila il gran tessitore del liscio nel mondo.

Mirko sabato 10 giugno a Bellaria Igea Marina va in...piazza la seconda edizione de La Notte del Liscio.

E' una serata che vuole nobilitare la nostra musica ma anche spingerla verso il futuro e contaminarla con altri generi.
Si dice che, oltre a quella dei Beatles, la rivoluzione del Liscio sia la più importante dall'ultimo Dopoguerra a oggi.
Io ho vissuto di riflesso, attraverso mio padre, quello che il Liscio ha inventato negli anni Settanta. Non c'era una macchina senza una cassetta, all'epoca si chiamavano stereo 8, di Liscio nell'autoradio.
Un fenomeno commerciale importantissimo.
Mio padre apparteneva alla stessa etichetta di molti cantautori: vendeva più lui di loro messi insieme. Il Liscio era nei centri sociali e nelle case borghesi, era ovunque.
Lo scorso anno ha convinto suo padre a tornare sul palco dopo 36 anni.
Ha smesso nel 1980 al top della popolarità. L'Orchestra ha proseguito col suo nome ma senza un Casadei fino al Duemila quando sono arrivato io.
Come lo ha convinto?
Raoul è un leone. E' sempre rimasto fuori per rispetto a me. In quell'occasione non è stato difficile.
E gli altri della storica Orchestra Spettacolo?
Sono andato a casa di ognuno di loro. C'era chi ha smesso di coltivare i pomodori, chi ha cercato in garage lo strumento impolverato, chi ha disubbidito alla moglie che non voleva un ritorno sul palco. Solo Rita, la voce di Ciao Mare ha detto no, che era stanca, che non ce la faceva.
Ma sul palco la abbiamo vista.
Le ha telefonato mio padre e il giorno dopo era a casa nostra. Sono arrivati in piazza con lo smoking e la limousine, c'era circa 7mila persone ad aspettarli. Mio padre indossava la giacca in paillettes originale che gli va ancora bene.


Mirko Casadei


C'era anche Goran Bregovic.
Abbiamo intrecciato gli strumenti e lanciato una contaminazione vera.
Quest'anno cosa inventa?
Il Casadei Social Club. Ci sono sul palco musicisti che negli anni e a vario titolo hanno fatte parte dell'Orchestra Spettacolo.
Ha invitato Morgan.
Non pianifica niente, è un genio. Farà Ciao Mare e Romagna Capitale, poi racconterà la storia del Liscio.
Eugenio Bennato?
Incrociamo il Liscio con la Pizzica napoletana. Eseguiremo Mazurkella che diventa Tarantella.
Ylenia Lucisano?
Rappresenta le nuove generazioni.
Si balla?
Eccome. C'è un corpo di ballo. Con Roy Paci abbiamo studiato una versione di Toda Joia Toda Beleza che sfocia in una polka.
Sarete per tre sere in prima serata su Sky Arte con Vai col Liscio.
E' una musica speciale, una musica che si fa amare e che ha sempre rispettato i musicisti. E' per l'italia quello che la Samba è per il Brasile, il Country per l'America e il Reggae per la Giamaica.
Lei che farà?
Tiro le fila. Stando sopra e dietro il palco.
Sua, coi Khorakhanè la sigla della festa Ad chi sit e Fiol.
E' un brano di integrazione. Una volta per identificare una persona si chiedeva chi era il padre, il nonno, da dove veniva.
La canzone cosa racconta?
Di un vecchio delle nostre terre che incontra un immigrato e gli fa domande sulle sue origini.
Come finisce?
In un abbraccio. Come dovrebbe essere sempre.




IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky