Caricamento in corso...
16 agosto 2017

Raoul Bova: 46° compleanno con "coraggio"

print-icon
raoul bova

Raoul Bova ha appena compiuto 46 anni e afferma di non essere mai stato così consapevole e coraggioso nell’affrontare il passare del tempo. Il sex symbol italiano pratica yoga e meditazione per stare in forma.

Il sex symbol del cinema italiano compie 46 anni ma non perde il suo fascino. Raoul Bova è oggi un marito e un papà attento che non teme il passare del tempo.

La nuova consapevolezza di Raoul

L’attore romano ha spento le candeline lo scorso 14 luglio, ben 46, ma non ha paura di invecchiare. In un’intervista a Vanity Fair afferma di sentirsi molto più consapevole e coraggioso. Raoul sta vivendo un periodo magico accanto alla compagna Rocío Morales e alla loro piccola Luna, di un anno e mezzo. L’attore si divide tra cinema, teatro e tv ma non si mostra per niente preoccupato dell’età, che non ha intaccato minimamente il suo fascino. Bova ha dichiarato di aver raggiunto finalmente un equilibrio, anche grazie allo yoga e alla meditazione, che pratica per stare bene con sé stesso. “Forse prima non avevo il coraggio di essere felice con me stesso, perché volevo sempre accontentare gli altri”, afferma l’attore.

Una carriera da sex symbol

Raoul Bova deve il suo successo soprattutto all’aspetto fisico, frutto di anni di nuoto agonistico – all’età di quindici anni ha vinto i campionati italiani giovanili nei 100 metri dorso. Dopo essere stato istruttore di nuoto presso la scuola sottufficiali dell’esercito, Bova si iscrive ad una scuola di recitazione e, nel 1992, gira il suo primo film, “Mutande pazze”. Poi la partecipazione a “Una storia italiana”, fiction dedicata ai fratelli Abbagnale, campioni di canottaggio. Ma il ruolo con cui fa impazzire le ragazzine è quello di Marco, istruttore di surf protagonista del film di Carlo Vanzina “Piccolo grande amore”, del 1993, in cui Raoul recita accanto a Barbara Snellenburg. Da quel momento, la carriera del bell’attore romano prende il volo, portandolo a recitare in ruoli diversi tra loro. “Palermo Milano solo andata”, in cui recita accanto a Giancarlo Giannini, “La lupa”, diretto da Gabriele Lavia con Monica Guerritore, “Ninfa plebea” di Lina Wertmuller. Raoul comincia ad alternare cinema e tv, con la partecipazione a “La Piovra”, “Ultimo” e “Distretto di polizia”. Nel 2002, Raoul tenta anche la carriera all’estero e recita al fianco di Sylvester Stallone, Diane Lane, Rosanna Arquette, Johhny Depp, Angelina Jolie. L’attore si muove tranquillamente sul piccolo e sul grande schermo, con progetti anche molto diversi tra loro. Raoul è a suo agio sia nelle commedie per adolescenti - “Scusa ma ti chiamo amore” - che nei film più impegnati, come “La finestra di fronte” di Fernaz Ozpetek. Sul set di “Immaturi – Il viaggio” conosce Rocío Morales e per lei lascia la moglie Chiara Giordano.

Raoul e Rocío: un amore a prova di gossip

Nessuno aveva scommesso sulla storia d’amore tra l’attore e la bella attrice e modella spagnola Rocío Morales, a causa anche della differenza d’età tra i due - Rocío ha 17 anni meno di Raoul – ma la nascita di Luna e le immagini che li ritraggono felici e innamorati come il primo giorno, hanno messo a tacere le malelingue. L’attore ha già due figli dalla prima moglie Chiara Giordano: Alessandro, di 17 anni e Francesco di 15. Sulla fine del matrimonio, Raoul aveva dichiarato: “La cosa che mi dà più fastidio è essere considerato il classico uomo che lascia la moglie per una più bella, per una più giovane”, e ancora: “Ok, Rocío è giovane, ma in quel momento mi sono sentito attratto dalla persona che è. Ed è una gran bella persona”.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky