Caricamento in corso...
25 agosto 2017

Lady Diana: l'assalto dei fan all'ospedale dopo l'incidente

print-icon
Lady Diana primo piano

Non c’è pace per Lady Diana: tormentata in vita e morta in seguito ad un inseguimento con i paparazzi, abbiamo appreso recentemente non solo che più volte qualcuno ha cercato di profanarne la tomba, ma che anche in ospedale non ci sono stati momenti piacevoli.

Ci sono scene alle quali una persona non vorrebbe mai assistere, ma che purtroppo si verificano ugualmente e bisogna fargli fronte. Un episodio del genere è capitato ad un collaboratore intimo di Lady Diana, proprio dopo il suo incidente.

La salma di Diana in ospedale

L’incidente in cui ha perso la vita Lady Diana Spencer è stato vissuto con angoscia e dolore da milioni di persone in tutto il mondo, quindi immaginate cosa abbia significato per chi era più vicino a lei. Una vera e propria tragedia che ha dovuto fare i conti con la morbosità della gente, che non ha avuto il minimo pudore e rispetto per il corpo della principessa – fotografato già sotto il Pont de l’Alma mentre stava perdendo i segni di vita. Continuano a farsi avanti le persone che parlano e aggiungono dettagli su quella notte orribile, e mano a mano che i giorni passano emergono passaggi sempre più raccapriccianti. A parlare adesso è Colin Tebbutt, l’uomo e primo membro dello staff di Buckingham Palace ad arrivare all’ospedale in cui era ricoverata Lady Diana. “Per me, che sono un ex ufficiale di polizia, i corpi senza vita si trovano nell’obitorio. Invece mi hanno portato dal Console generale che mi ha chiesto se volevo vedere l’Altezza Reale. Siamo entrati in una stanza e, con mio grande stupore, il Boss (nomignolo con cui chiamava Lady Diana, N.d.R.) giaceva a letto. La mia prima mossa è stata quella di impedire che le persone si avvicinassero a lei facendo l’inchino, cosa che stava accadendo. Ne conoscevo il motivo ma non volevo che accadesse”.

L’inizio di un incubo

L’incubo di Colin Tebbutt era appena iniziato visto che l’uomo si è trovato nella condizione di proteggere la dignità di Lady Diana dall’insistenza delle persone che erano davanti all’ospedale. Non solo. Ha chiesto ad un funzionario di sistemarle il volto prima che arrivasse il principe Carlo. “Quando sono tornato stava bene al 100%, ma era uno dei giorni più caldi dell’anno e la stanza era una fornace. Le ha sistemato i capelli e le ha messo un rosario nelle mani”. Ed è stato a quel punto però che l’uomo ha notato alcune persone cercare di arrampicarsi sui tetti per vedere il corpo di Lady Diana. Visto che non c’era modo di ripararsi, Tebbutt ha fatto mettere degli asciugamani dalle finestre, cosa che ha reso l’aria ancora più irrespirabile e calda. E in quel momento è successa una cosa che l’ha messo molto in allarme: “Mi sono girato e i suoi capelli e le ciglia si stavano muovendo. Solo per un momento ho pensato che fosse viva. Ero in stato di shock. Poi mi sono rigirato ed è tornata normale, ma è stato un momento orribile”. Ci sono molte polemiche sulla morte di Lady Diana. Dopo Colin Tebbutt anche la sorella ha deciso di dire la sua, ritenendo assurdo il fatto che non indossasse la cintura, accessorio al quale era sempre attenta. Polemiche ci sono state anche sui soccorsi, che alcuni non hanno giudicato tempestivi, e sui fotografi presenti sulla scena, che hanno ripreso la principessa mentre moriva.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky