Caricamento in corso...
26 settembre 2017

Eva Mendes e Ryan Gosling: genitori "alla cubana" per le figlie

print-icon
Eva Mendes e Ryan Gosling: genitori "alla cubana" per le figlie

Insieme, Eva Mendes e Ryan Gosling sono genitori di due bambine: Esmeralda Amada (3 anni appena compiuti) e Amada Lee (nata il 29 aprile 2016). Per loro, mamma e papà hanno scelto un’educazione “alla cubana”. A ripercorrere le origini dell’attrice

Sono una coppia riservata, Eva Mendes e Ryan Gosling. Sentirli parlare della loro relazione, o vederli fotografate con le loro due figlie, è davvero cosa rara. Oggi, però, l’attrice ha parlato delle loro bambine, raccontando di come – per le piccole – abbia scelto un’educazione alla maniera cubana.

L’importanza dello Spanglish

In una delle sue rare apparizioni in pubblico – in un centro commerciale di Cerritos (California), per la presentazione della sua nuova linea d’abbigliamento dedicata alle donne curvy - Eva Mendes ha parlato ai microfoni di People Chica. E l’ha fatto a cuore aperto, raccontando anche della sua famiglia e, in particolare, delle piccole Esmeralda Amada e Amada Lee, nate dalla sua unione con Ryan Gosling. Bambine che – rispettivamente di 3 e 1 anno - l’attrice sta crescendo secondo la cultura latina: al punto che, la più grande, parla prevalentemente Spanglish. Confessando di non vedere l’ora di portare a Cuba la sua famiglia, la Mendes ha raccontato: «Esmeralda parla Spanglish: è così carina! È decisamente bilingue, e per noi è davvero importante che non solo famigliarizzi con la lingua latina, ma anche con la cultura. Mia mamma, che vive a un quarto d’ora da casa nostra, ci rende le cose facili: parla in spagnolo alle bambine, cucina piatti cubani e fa ascoltare loro musica latina . È una parte importantissima delle nostre vite, mia madre. Mio papà, che vive qui da 45 anni e che non ha mai imparato l’inglese, è invece una vera risorsa! È divertente: ora che mi sto assicurando che le mie figlie parlino spagnolo, mi basta dire: “Papà, ho bisogno che tieni le bambine”, per essere certa che – con lui – siano costrette a farlo». Per l’attrice, nata a Miami 43 anni fa da genitori per l’appunto cubani, le tradizioni di famiglia sono fondamentali. E, le sue figlie, intende crescerle così, a metà tra la cultura latina e quella americana di papà Ryan (Gosling).

Una carriera (anche) nella moda

Mentre Ryan Gosling sta lavorando al sequel di Blade Runner, Eva Mendes pare decisa a ritagliarsi un ruolo nel mondo della moda. E così, mentre Heidi Klum si lancia nella moda low cost grazie alla collaborazione con Lidl, l’attrice punta sulle donne curvy firmando una collezione esclusiva per il brand New York & Co. E, ancora una volta, a influenzarla sono state le sue origini cubane. «Io, mia mamma e le mie due sorelle abbiamo corpi completamente diversi. Perché, sotto il cappello dell’origine latina, c’è davvero un’enorme varietà di forme, dimensioni e colori. È parte del mio patrimonio culturale, accettare e apprezzare ogni tipologia di fisico», ha dichiarato in occasione della presentazione della linea. «Ovviamente, questa collaborazione è stata un po’ una sfida. Ma è stato meraviglioso pensare a capi d’abbigliamento per donne di ogni taglia: abbiamo esteso il range dalla XS alla XXXL, così da rispondere alle esigenze di numerose persone». Per disegnare quei capi, Eva Mendes ha prestato molta attenzione all’esaltazione del punto vita. Ma anche a tantissimi altri dettagli. «Molte donne, ad esempio, non amano le loro ginocchia. Altre, non accettano le loro braccia. Ho poi voluto puntaresulle tasche, che io trovo molto cool, e su tessuti che non necessitino di essere stirati». Perché una donna è tantissime cose. Una lavoratrice, una mamma, una compagna. E ha un enorme bisogno di praticità.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky