Caricamento in corso...
03 ottobre 2017

Cara Delevingne: "Ero una teenager difficile"

print-icon
Cara Delevingne: "Ero una teenager difficile"

Le confessioni noir di Cara Delevingne non mancano di lasciare di stucco, ancora una volta, tutti i rotocalchi del mondo. Si penserebbe che la ragazza prodigio nel mondo dello spettacolo non conosca i giorni di pioggia, e invece la sua adolescenza è stata molto simile a quella di tante ragazze dei nostri tempi: un periodo molto, molto difficile.

Tutto quello che Cara Delevingne tocca, si tramuta in oro. Cara è una top model richiestissima, un’attrice poliedrica che ha già nel suo curriculum una serie ammirevole di blockbuster, una scrittrice e una musicista capace di suonare molti strumenti. Eppure, la vita non le ha sempre sorriso come si penserebbe. La più difficile di tutte è stata la sua adolescenza: sappiamo quanto i ragazzi possano essere crudeli.

Cara Delevingne: la sua lotta interiore contro “l’oscurità”

Da come ne parla lei, nella sua anima ogni giorno avviene una lotta tra le forze del bene e quelle dell’oscurità. Nel corso della sua intervista a The Edit, per cui ha anche posato in un outfit futuristico che esalta, senza dubbio, le sue qualità estetiche, Cara ha raccontato della sua battaglia contro la depressione e la bassa autostima quando era adolescente. Queste emozioni brucianti, queste brutte esperienze di vita, sono divenute poi il collante della personalità della protagonista teenager del nuovo libro di Cara, Mirror Mirror: prima di diventare un’operazione di business, però, c’è voluto del tempo e tanta elaborazione. Le prime incertezze di Cara Delevingne sono emerse durante il periodo scolastico, quando l’attrice ha incontrato le prime difficoltà tra i banchi: «Se fallisco qualcosa, non posso perdonarmelo. È la cosa più brutta che possa accadere, perché non mi perdonerei mai. Non mi sono mai sentita brava abbastanza. Il fatto di non saper fare bene quanto le altre persone mi ha sempre fatto odiare me stessa. E la scuola ti fa sentire malissimo: quando prendi una C, quella C diventa un marchio a fuoco sulla tua vita, un voto non nella materia di riferimento, ma una valutazione complessiva di te in quanto essere umano. Per tanto tempo l’ho sempre vissuta così».

Cara Delevingne: così diversa dai suoi compagni

Quando pensiamo alla giovanissima Cara, possiamo facilmente immaginarla diversa da tutti gli altri, ma non nel senso che immaginava lei. Noi, ce la immagineremmo speciale. Lei, si vedeva semplicemente troppo diversa: «Se avessi potuto mi sarei data un grosso abbraccio. Avrei voluto sapere che io ero ancora lì dentro, da qualche parte, in quel corpo. Avrei voluto capire che non ero affatto il mio peggior nemico. Non ero in trappola: se fossi riuscita ad amare la vita, avrei superato tutto. Essere teenager, a volte, è come prendere le montagne russe dirette all’inferno». Alla fine, per fortuna, Cara Delevingne ha capito che la sua felicità non doveva mai essere un oggetto di dubbi. Dopo aver cercato aiuto professionale, la modella ha capito: «Mi sono resa conto che cercavo sempre di basare la mia felicità sull’amore, sull’opinione degli altri, ma io dovevo essere felice semplicemente con me stessa. Finalmente, adesso posso essere felice: posso essere davvero io. Ci è voluto molto tempo, ma ce l’ho fatta». Il 5 ottobre uscirà il suo libro, “Mirror Mirror”, la storia di un gruppo di teenager che cercano il loro spazio nel mondo e vogliono capire chi sono, non senza le difficoltà del caso.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky