05 ottobre 2017

A 73 anni, Lauren Hutton è la cover star più anziana di Vogue

print-icon
A 73 anni, Lauren Hutton è la cover star più anziana di Vogue

Dopo aver sfilato a Milano al fianco di Gigi Hadid, e dopo aver accompagnato Armani ai Green Awards, Lauren Hutton posa in copertina per Vogue Italia. E, a quasi 74 anni, è la più anziana cover girl mai finita sulla celebre rivista

Negli anni Settanta, Lauren Hutton era tra le modelle più richieste e più acclamate. E, ancora oggi – che il prossimo 17 novembre compirà 74 anni –, è imbattuta nel suo record: per ben 40 volte, la modella americana ha posato per la copertina di Vogue, di cui 27 per l’edizione americana della rivista. Molti anni dopo, eccola marcare un altro record: ritratta da Steven Klein, è la più anziana cover girl per Vogue Italia.

La donna dei record

Sono ben tre, le copertine di cui la quasi 74enne Lauren Hutton è protagonista. E sono tutte parte del “Timeless Issue”, numero dedicato alle donne over 60. Di questa “categoria”, la Hutton è una splendida rappresentazione. Ed Emanuele Farneti – che è salito alla guida di Vogue Italia dopo la scomparsa di Franca Sozzani – lo sa bene. Del resto, come la leggendaria direttrice, lui ha un occhio speciale per il talento. E ama rompere i confini. «Questa è una copertina che può cambiare la società, perché mostra una donna vivace, attraente, che ride ancora. E che, per la prima volta, è una donna della mia età» ha dichiarato Lauren Hutton. Subito dopo l’avvio della sua carriera di modella, la Hutton ha rivoluzionato il mondo della moda: è stata la prima modella a chiedere un contratto, e un compenso più alto per le donne. Decenni dopo, eccola camminare mano nella mano con una delle giovani modelle che – della sua battaglia – stanno beneficiando: Gigi Hadid. Una sfilata, questa, arrivata dopo aver posato al fianco di Kendall Jenner per la linea intima di Calvin Klein. Finendo in copertina per Vogue Italia, Lauren Hutton ha battuto così il record di Tina Turner, che posò per l’edizione tedesca del magazine a 73 anni e 4 mesi (5 in meno di lei), divenendo ufficialmente la donna più anziana ad aver mai posato per la cover delle varie edizioni di Vogue. «È la mia copertina più importante», ha dichiarato con orgoglio. «È la prima che mi ha fatto sentire davvero utile». Utile, appunto, per veicolare il messaggio di una bellezza senza età.

Non solo ventenni

Steven Klein, il fotografo dietro l’obbiettivo di quelle foto destinate a diventare delle icone, è riuscito a dimostrare come – anche a 70 anni – si posa essere sexy. Lo dimostra Lauren Hutton, ma lo dimostrano anche le donne – ancora più anziane di lei – ritratte nell’editoriale all’interno della rivista: la 74enne Benedetta Barzini, che fu la prima top model italiana; l’artista Lynda Benglis (75 anni); e poi Baddie Winkle, che a 89 anni è una vera star su Instagram. Insieme a loro, le più giovani Marina Abramovic (70 anni), la splendida Maye Musk (69 anni) e la leggenda vivente Iman (62 anni). Perché davvero, la bellezza non può – e non deve – avere età. Di aver posato per Vogue Italia, oggi, Lauren Hutton si è detta super orgogliosa. Del resto, lei di battaglie professionali ne ha combattute. E vinte. «Ho deciso di tornare sulle scene quando avevo 47 anni, perché quando sfogliavo le riviste mi rendevo conto di come non ci fossero modelle sopra i trent’anni. Non volevo che, chi avesse superato quell’età, si potesse sentire dimenticata o tagliata fuori. Così ho chiamato tutti gli editori che conoscevo, di tutte le riviste del mondo occidentale, e ho detto loro: “sapete, tutte le donne hanno il diritto di essere rappresentate». Un diritto che, grazie a lei, hanno acquisito.

Un post condiviso da Vogue Italia (@vogueitalia) in data:

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky