Caricamento in corso...
20 ottobre 2017

Jessica Chastain: la sua condanna a Hollywood è spietata

print-icon
 Jessica Chastain: la sua condanna a Hollywood è spietata

Il Premio Oscar Jessica Chastain ha parole dure e forti per condannare la situazione in cui versa Hollywood nelle ultime settimane. La sua critica trascende il fatto specifico del caso di Weinstein e colpisce (per affondare) un sistema che non le è mai andato a genio.

La splendida Jessica Chastain ha fatto un discorso da togliere il fiato sul sessismo nell’industria dell’entertainment. La sua critica va ben oltre allo scandalo Weinstein e punta a denunciare un sistema che va avanti da molti anni e che è venuto a galla solo negli ultimi tempi. Dopo anni di silenzio, finalmente anche lei sente di aver trovato la voce per denunciare.

Jessica Chastain senza filtri

Da quando il New York Times ha buttato fuori il titolo “Harvey Weinstein Paid Off Sexual Harassment Accusers For Decades” (Harvey Weistein ha pagato per decenni tutti quelli che l’accusavano di molestie sessuali), il mondo dello spettacolo è piombato nel caos. Volti noti e, in apparenza, immacolati dell’industria dell’entertainment si sono trasformati improvvisamente in estranei, in complici, e l’intera storia ha macchiato il nome di chi si è affidato ciecamente all’omertà nel timore di perdere i progressi della sua carriera. E mentre questa spirale discendente di distruzione tirava in ballo nomi come Angelina Jolie e Gwyneth Paltrow, che hanno ammesso di aver subito molestie e di aver ricevuto “interessamenti inappropriati” da Weinstein, la situazione degenera ogni giorno sempre più. Jessica Chastain non si è sottratta al confronto, tutto l’opposto. Si è buttata a capofitto nella battaglia per sostenere i suoi ideali. A suo avviso, non si tratta solo di un uomo perverso e malato come Harvey Weinstein: il problema di Hollywood è… Hollywood. E la sua ipocrisia.

Un’intervista dura da digerire

Nel corso della sua ultima intervista con l’Hollywood Reporter, Jessica Chastain non le ha mandate a dire: «Si tratta di un’industria fatta di razzismo, sessismi omofobia dilagante. Queste cose sono talmente cucite nel tessuto del business stesso che siamo diventati incapaci di vederle, di capire quando ci troviamo davanti ad un’ingiustizia lampante». Anche se adesso Hollywood sembra “pronta” a denunciare, la Chastain non è così convinta che sia la volta buona. C’è ancora molto da vedere, sotto la superficie illuminata dai riflettori. «Siamo super bravi a puntare il dito gli uni contro gli altri, siamo ancora più bravi a risolvere i problemi organizzando azioni collettive e raccolte fondi. Eppure c’è una evidentissima distinzione tra quello che predichiamo e quello che facciamo per davvero». Quando le viene chiesto di porre un esempio, Jessica Chastain spiega che molti attori gay vengono costretti al silenzio per evitare ripercussioni sulla loro immagine.

L’attrice Premio Oscar è molto grata a tutte le donne che sono uscite dall’oscurità e hanno fatto un passo avanti per denunciare i loro abusi. Il motivo? Per molto tempo, nel corso della sua carriera, Jessica non era del tutto sicura che avrebbe potuto farlo. «Mi hanno insegnato che il modo più sicuro per trovare lavoro è quello di tenere la testa bassa e farsi piccoli piccoli. Non bisogna mai dire niente che possa essere preso nel modo sbagliato, o che possa offendere la persona sbagliata. Per così tanto tempo ho taciuto… Troppo tempo». Le premesse per un cambiamento ci sono: ora, staremo a vedere quello che succederà.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky