16 novembre 2017

Dita Von Teese: "Mi lascio ispirare dalle forme femminili"

print-icon
 Dita Von Teese: "Mi lascio ispirare dalle forme femminili"

Se c’è una donna che prende seriamente la sua sensualità, questa è proprio Dita Von Teese. Un po’ per gioco e un po’ per lavoro, questa superlativa artista ha trasformato la sua bellezza in uno spettacolo di grande intrattenimento attraverso la sofisticata arte del burlesque.

La regina del burlesque ha fatto della sua lingerie mozzafiato un lavoro a molti zeri. 45 anni portati come un gioiello prezioso, Dita Von Teese incarna un ideale di seduzione che non trova punti di riferimento in nessuna delle star che hanno costellato la sua adolescenza. Quello che ha fatto, Dita, lo ha fatto da sola, e si è costruita un’immagine che fa sospirare gli uomini e colma le donne di ammirazione. Eppure, crescendo, non è sempre stata quell’icona di sensualità che fa fare il tutto esaurito ai suoi spettacoli.

Dita Von Teese: la sua infanzia un po’ diversa

Nel corso della sua più recente intervista per Pedestrian.tv, la star ha ammesso che la giovanissima, adolescente Dita è cresciuta con qualche difficoltà ad accettare se stessa, la sua natura più unica che rara e, soprattutto, il suo corpo. Mentre si gode i suoi 45 anni da un piedistallo di ammirazione, bellezza e sensualità che adesso fanno scuola, la regina del burlesque parla del suo passato come un’esperienza formativa, ma assai dura: «Mi sentivo come se non avessi modelli di comportamento, di bellezza e di sensualità a cui potevo fare riferimento. Non riuscivo ad accomunarmi all’ultima icona dello Sports Illustrated in costume da bagno, o alla splendida Cindy Crawford. Tutti quei look naturali che, ai tempi, erano così popolari, ma che non mi rappresentavano affatto».

Dita Von Teese si esibisce nel panorama burlesque sin dagli anni ’90, ma la sua bellezza, la sua identità e la sua personalità “beauty” ha dovuto trovarla da sola: «Vedevo tutto il glamour delle creazioni di bellezza, e ne rimanevo intrigata. Ho pensato che con un po’ di sforzo avrei potuto trovare qualcosa che funzionasse anche per me». Lei, con quel suo allure un po’ vintage, i boccoli strutturati, incarnato di alabastro e rossetto scarlatto, andava contro ogni tendenza e ogni moda, ma non le importava. È in questo look che ha trovato davvero se stessa.

 “The Art of the Teese”, lo show 2018 di Dita

Dita Von Teese è entusiasta dei cambiamenti degli ultimi anni. Il movimento della body-positivity ha portato l’eterogeneità in televisione e sui media, e finalmente anche le forme del corpo più diverse stanno prendendo piede. Per il suo show in arrivo, “The Art of the Teese”, Dita ha deciso di accogliere nel suo team una serie di intrattenitori e ballerini “diversi dal solito”. «Quando le persone che vengono a vedermi mi raccontano di essersi lasciate ispirare dalle forme che ho deciso di rappresentare nello show, la mia fantasia corre. Voglio che il mio spettacolo sia un insieme di etnie, diversità, bellezze ed età differenti. Tutti possono essere sexy, e possono trovare un modello nel mio show che in qualche modo riesca a rappresentarli. Ormai, ho fatto di questo la mia missione personale alla ricerca dell’unicità».

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky