09 ottobre 2017

Ryan Gosling: il commovente addio al suo cane George

print-icon
Ryan Gosling: il commovente addio al suo cane

L’abbiamo adorato in “La La Land” e nel corso delle sue schermaglie a colpi di ironia con la sua co-star Harrison Ford, durante tutte le sessioni promozionali per il recentissimo Blade Runner 2049. Con la sua vita privata, una moglie e una figlia fantastiche, Ryan Gosling ci ha conquistati anche grazie agli spaccati della sua vita quotidiana.

Dire addio a un membro della famiglia a quattro zampe è sempre molto difficile. Anche per le star. Nel corso del The Ellen DeGeneres Show di venerdì, Ryan Gosling ha raccontato di come e quando ha dovuto dire addio al suo cane di 17 anni, paragonandolo ad una rockstar che invecchia.

Ryan Gosling: un commovente addio a una “rockstar”

Il cane è un animale fuori dal comune. Con lui, riusciamo a sviluppare un rapporto speciale e a costruire una relazione importante, piena di sentimenti e sempre unica nel suo genere. E anche se sappiamo che la loro aspettativa di vita è infinitamente più breve della nostra, non siamo in grado di osservare la loro morte senza esserne devastati. È capitato anche a Ryan Gosling, e la storia del suo cane di 17 anni, venuto a mancare nel dicembre del 2016, ha commosso tutti quanti. Come prevedibile pensare, dopo un anno l’attore sta ancora piangendo il suo splendido compagno a quattro zampe. Quando la conduttrice chiede se ha intenzione di adottarne un altro, Gosling è possibilista, ma non convinto, proprio come chi ha appena perso un amico ed è avverso all’idea di trovarne un altro, che mai e poi mai potrebbe essere uguale o “comparabile” al precedente: «Vedremo,» dice, ermetico.

Addio a George, il cane di Ryan Gosling

Quando vivi per 17 anni con un compagno canino, è difficile trovare la forza per dirgli veramente addio. Ti accorgi che manca soprattutto in quei momenti in cui ti aspetti di vederlo, come la mattina appena sveglio, e lui non c’è. In quegli attimi terribili, la sua assenza ti piove addosso come un macigno. Il cane di Ryan Gosling si chiamava George. Ovunque Ryan andasse per girare i suoi film e coltivare la sua carriera, il suo cane era con lui. Una presenza costante e rassicurante. Sin da subito, George si è comportato come se non fosse affatto un cane, tutto l’opposto: il suo rapporto con gli altri animali della sua razza è sempre stato di estrema superiorità. «Aveva 17 anni, è morto in dicembre ed era un buon amico per me. È interessante dire ‘cane’ perché in qualche modo George aveva qualcosa che non me lo faceva vedere come un cane, soprattutto nel suo rapporto con gli altri animali della sua specie. Una volta ci trovavamo al ristorante, e George se ne stava lì, sul pavimento, a guardare la strada come se avesse il peso del mondo sulle spalle. All’improvviso qualcuno si è alzato dalla sua sedia per andare in bagno e lui ha occupato il suo posto, si è messo a tavola con noi e finalmente ho potuto vedere nei suoi occhi che era soddisfatto. Finalmente aveva trovato il suo posto». Il suo splendido cucciolo si è spento all’età di 17 anni invecchiando in maniera tutta speciale: «Mentre avanzava con l’età, George somigliava sempre di più ad una rockstar invecchiata. Era magrissimo con la pancia, aveva il pelo lungo e arruffato. Non aveva denti, era malato, ma era comunque un cane davvero sexy».

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky