Caricamento in corso...
18 agosto 2017

Audrey Hepburn seguiva una dieta molto particolare: eccola

print-icon
Audrey Hepburn seguiva una dieta molto particolare: eccola

Nascere belli è una questione molto, molto seria: sin da quando è ascesa al firmamento delle dee dello spettacolo, il peso corporeo di Audrey Hepburn, la sua linea invidiabile e la sua pelle perfetta sono state oggetto di innumerevoli disquisizioni.  

Tutti vogliono conoscere il suo segreto di bellezza, e anche per gli standard di oggi la bella Audrey non ha niente da invidiare a nessuno. Da sempre, Audrey Hepburn è stata bersagliata dagli haters per colpa del suo peso corporeo: troppo magra? Malata? Problematica? Secondo l’ultimo fidanzato di Audrey, Robert Wolders, l’alimentazione di Audrey era l’ultimo dei suoi problemi. “Dieta? Ma quale dieta? Audrey non faceva la dieta”, e il giallo s’infittisce.

Audrey Hepburn non seguiva nessun tipo di dieta

Alla domanda posta dal giornalista di People, l’ex compagno di Audrey Hepburn, Robert Wolders, sembra anche piuttosto meravigliato. “Quale dieta? Audrey non faceva la dieta”. A rimarcare questo concetto che, nonostante gli anni, lascia ancora tutti di stucco, ci pensa Luca Dotti, il figlio. “La gente pensa che siccome mia mamma era pelle e ossa allora doveva avere per forza qualche tipo di disturbo alimentare, ma non è affatto vero! Adorava il cibo italiano e la pasta: mangiava tantissimo frumento, poca carne e un po’ di tutto”. In poche parole, Audrey Hepburn seguiva una dieta tutta sua, alla vista della quale personal trainer e nutrizionisti del 2017 scapperebbero urlando. Eppure, in qualche modo la dieta di Audrey era bilanciata, a modo suo. Robert Wolders, che al momento ha 80 anni, non ha esitato a raccontare con dovizia di dettagli: “La mattina, a colazione, mangiavamo pane di segale e marmellata, mentre a mezzogiorno c’era sempre la pasta, oppure pollo e vitello con ortaggi del nostro giardino. La sera, zuppa con pollo e verdure”.

Peccatucci di gola per una vita più felice… e un passato terribile

Audrey Hepburn non rinunciava a concedersi qualcosa si speciale. Del resto, il cibo è uno dei più grandi piaceri della vita: “Dopo cena, mangiava un po’ di cioccolato fondente,” ha spiegato Wolders, “Magari due dita di scotch, ma non beveva mai vino”. Per smaltire le “calorie in eccesso”, i due si dedicavano del tempo insieme facendo lunghissime passeggiate. Robert ricorda, con una certa nostalgia, che Audrey era sempre in grado di camminare più velocemente: “Aveva un metabolismo straordinario, ma non era mai eccessiva in quello che faceva. Non ha mai detto, per esempio, oggi devo fare assolutamente cinque miglia”.

Per giustificare il peso piuma di Audrey scende in campo anche il figlio, e rivela dei terribili trascorsi della madre: “Il motivo per cui mia madre è sempre stata così magra è dovuto alla sua infanzia. Dai 9 ai 16 anni, Audrey ha vissuto la Seconda Guerra Mondiale e si è trovata anche in momenti di gravissima malnutrizione. Proprio nella fase adolescenziale in cui avrebbe più avuto bisogno di sostanze nutritive, ne era completamente sprovvista. Quando i Nazisti si sono stanziati in Olanda nel 1944, quell’inverno è stato soprannominato L’Inverno della Fame. Mia madre non aveva abbastanza cibo”. La sua relazione con Robert Wolders è andata avanti dal 1980 al 1993, anche se i due non si sono mai sposati. Audrey Hepburn si è spenta all’età di 63 anni dopo una lunga, disperata battaglia contro il cancro al colon. Il 27 settembre 2017 a Londra andrà in opera un’asta in cui verranno venduti alcuni dei suoi effetti personali.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky