31 luglio 2017

Game of Thrones: ecco come si cura il morbo grigio secondo Sam

print-icon
Game of Thrones: ecco come si cura il morbo grigio secondo Sam

Nel caso in cui doveste contrarre il morbo grigio, non preoccupatevi. È una malattia mortale nella maggior parte dei casi (con celebri eccezioni), quindi mettetevi comodi e sperate che la settima stagione de Il Trono di Spade finisca prima che possiate tramutarvi in pietra!

Il morbo grigio è una malattia terribile che trasforma la pelle del malcapitato in scaglie simili alla pietra. Non preoccupatevi, non esiste davvero: a meno che non stiate pianificando un fine settimana a Westeros, questa malattia è per noi, appassionati della serie televisiva di Sky Atlantic Il Trono di Spade, completamente innocua. Non si può dire lo stesso per Shireen (Kerry Ingram) e Jorah Mormont!

Il morbo grigio di Jorah Mormont

L’attore volto di Jorah Mormont si chiama Iain Glen. Nella seconda puntata della settima stagione è stato protagonista di una delle scene più forti dell’interno show. Jorah, senza maglietta, mostra a Samwell Tarly il suo corpo ricoperto delle scaglie “di pietra” tipiche del morbo grigio. Tra dolore e scene da guardare con un occhio solo, vediamo che Sam tenta di rimuovere le scaglie con un punteruolo e soffriamo un po’ con lui.

Se la scena può sembrare crudele, non dobbiamo dimenticare che si tratta però dell’unico modo possibile di guarire dal morbo grigio. Parola dell’Arcimaestro Pylos e dei suoi rimedi contro le malattie rare di tutto il mondo, su cui ha scritto un tomo rilegato con la copertina in bassorilievi dorati.

Game of Thrones: ecco come si cura il morbo grigio secondo Sam

Come si cura il morbo grigio: pro-memoria per tutti

La ricetta tradizionale per curare il morbo grigio consiste in un processo molto lungo e, come ogni cosa in questa serie televisiva, pieno di dolore. Ce lo mostrano i rapidissimi fotogrammi che si susseguono nel corso dell’episodio e che riportano didascalie e illustrazioni del libro. Come ogni dettaglio de Il Trono di Spade, anche il libro illustrativo della cura per il morbo grigio è stato curato fino ai minimi dettagli, tra miniature e ortografia da lustrarsi gli occhi.

Per guarire dal morbo grigio, spiega Tarly, dobbiamo innanzitutto rimuovere le scaglie grigie che ricoprono il corpo del paziente. Una volta fatto ciò, sarà sufficiente applicare un unguento fatto di resina di pino, corteccia verde, cera d’api e olio d’oliva. Nella sua completezza, è un utente di Reddit a spiegare la funzione dei vari ingredienti. La resina di pino veniva storicamente usata per purificare, rimuovere i veleni e per le sue proprietà anti-batteriche e anti-micotiche. La corteccia e la cera d’api riducono l’infiammazione e l’olio ripristina le cellule morte, aiutando la pelle a guarire. Insomma, secondo l’utente questo unguento non è altro che una soluzione topica per ridurre la possibilità di infezione della pelle privata delle sue scaglie.  Se vi sembra una cura approssimativa, sappiate che a confermare questa vostra teoria c’è il fatto che il maestro Pylos è morto proprio di morbo grigio. Insomma: ci possiamo fidare?

Mentre attendiamo il verdetto su una possibile guarigione di Jorah Mormont, che alla luce di queste ultime informazioni dei fan sembra quantomeno improbabile, non vediamo l’ora di scoprire che cosa riserva il futuro per uno dei servitori più fedeli e irriducibili di Daenerys Targaryen.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky