Caricamento in corso...
21 agosto 2017

Daniel Craig rinuncia agli stunt da 007: è una promessa alla moglie

print-icon
Daniel Craig rinuncia agli stunt da 007: è una promessa alla moglie

Il cinema d’azione sta diventando, negli anni, sempre più competitivo e pericoloso. Sempre più pellicole spingono il pedale dell’acceleratore per regalare allo spettatore uno show più estremo, più pericoloso, più al limite. Sempre più stuntman, negli ultimi anni, perdono la loro vita sul set. Ecco perché Daniel Craig ha promesso a sua moglie che, d’ora in avanti, avrebbe rinunciato agli stunt più pericolosi.

Il cinema d’azione sta diventando sempre più estremo e pericoloso: molti dei franchise più famosi hanno sulle spalle il peso insopportabile delle vittime sul set, per colpa di qualche stun andato male. Ne vale la pena? In un periodo dove gli incidenti si moltiplicano, gli attori si fanno i conti in tasca e valutano se, tutto sommato, ne vale davvero la pena. La moglie di Daniel Craig sostiene di no.

Tra incidenti mortali e decisioni di coppia

Pochi giorni fa Tom Cruise ha posticipato di tre mesi le riprese di “Mission Impossible” per colpa di una brutta frattura alla caviglia, che si è provocato nel corso di uno stunt andato male. Ancora peggio, di recente è morta una stunt sul set di “Deadpool” di Ryan Reynolds. Tutte queste tragedie hanno spinto Daniel Craig, di recente riconfermato nel suo ruolo di Agente 007 al servizio di Sua Maestà, a farsi un esamino di coscienza. La voce della verità non è arrivata insieme ai suoi 49 anni, tutt’altro, ha assunto le connotazioni di Rachel Weisz, sua moglie. Sembra infatti che gli ultimi stunt mozzafiato da 007 lo abbiano lasciato a dir poco in agonia, suscitando l’apprensione (più che giustificata) e la costernazione di Rachel. Dopo “Spectre”, il nuovo film di James Bond è destinato ad uscire nel 2019, e probabilmente Daniel Craig dovrà rinunciare a qualcuna delle sue virtuose attività acrobatiche per il bene del suo matrimonio – e della sua salute.

La moglie teme per la salute di Daniel Craig

“Questo argomento è l’oggetto di moltissime delle loro discussioni,” ha raccontato una fonte anonima al DailyMail, “Rachel non vuole vederlo di nuovo agonizzante, e molti dei suoi acciacchi non sono più guariti del tutto”. Sembra infatti che il ruolo di 007 abbia lasciato il segno sull’affascinante attore: “C’è un prezzo da pagare per tutte le ferite che si è procurato sul set. Rachel e Daniel hanno raggiunto un accordo, e lui limiterà duramente i suoi sforzi da stuntman: non dovrà più spingersi oltre al limite. È un requisito fondamentale per la salvaguardia del rapporto”.

I fan del franchise della Spia più sexy del mondo, del resto, divengono ogni anno sempre più esigenti. Lo spettacolo pretende stunt sempre più vertiginosi e impossibili e, nello stesso tempo, l’età di Daniel Craig avanza. Dopo “Casino Royale”, infatti, le scene d’azione si sono fatte via via più pericolose ed estreme, e Daniel ha sortito i brutali effetti di questa vita spericolata direttamente sul suo corpo. Quando l’attore è sul set, per Rachel è come se si trovasse sul ring a combattere una guerra che, comunque andrà, lascerà enormi cicatrici. Già nel 2015 aveva raccontato che, a seguito degli stunt più recenti, Daniel Craig aveva dovuto sottoporsi a vari interventi chirurgici per rimettersi in sesto del tutto. Daniel Craig aveva confermato le dimensioni dei suoi problemi: “Mi sono rotto un ginocchio e ho dovuto fare un intervento, e mi hanno ricostruito la spalla destra. Anche l’altro ginocchio ha subito un intervento, e mi sono fratturato un pollice”.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky