10 ottobre 2017

Nell'ultimo trailer di Star Wars c'è anche Carrie Fisher

print-icon
Star Wars

Carrie Fisher può anche essere scomparsa dal mondo terreno, ma di sicuro non lo è dalla galassia: la principessa Leila è tornata per guidare l’Alleanza Ribelle e rimettere l’Impero al suo posto.

È uscito il nuovo trailer in italiano di Star Wars: Gli Ultimi Jedi e non è stato solo il video a sconvolgere i fan, ma anche la vista dell’adorata Carrie Fisher.

Il ritorno della principessa Leila

Non è una novità che Carrie Fisher sarebbe stata presente nel film Star Wars: Gli ultimi Jedi – le riprese sono state effettuate prima della tragica morte avvenuta lo scorso dicembre. Dopodiché non è sbagliato dire che la visione della principessa Leila nel trailer ha fatto commuovere moltissimi fan della saga: la temeraria guerriera è sempre stata uno dei personaggi più amati, tanto da aver ispirato per anni generazioni di donne che hanno aspirato sì a essere principesse, ma anche combattenti. Carrie Fisher ha dato un grosso apporto al mondo del cinema ma anche all’esistenza di molte persone, dando il volto a un personaggio – quello della principessa Leila – pieno di passione, trasporto, sentimenti, imperfezioni e sconfitte. Una donna che è difficile dimenticare, e ancora oggi i fan di Star Wars si emozionano quando pensano a quella principessa forte, gentile, ma piena di turbamenti, che ha concluso precocemente la sua esistenza dopo il malore sul volo per Los Angeles.

La vita di Carrie Fisher

Carrie Fisher è morta il 27 dicembre 2016 a causa di un attacco di cuore mentre si trovava sul volo che da Londra la stava riportando a Los Angeles. I risultati dell’autopsia hanno evidenziato che nel sangue erano presenti tracce di alcol e droghe, segno che i fantasmi del passato erano tornati a tormentarla. L’attrice ha iniziato a fare uso di stupefacenti negli anni ’70 e ha deciso di disintossicarsi solo quando stava per essere licenziata dal regista del film “The Blues Brothers”: le sue performance come attrice, infatti, erano così calate a causa della sua dipendenza che le era difficile persino girare una breve scena. Carrie Fisher soffriva di disturbo bipolare – cosa che è stata acuita dalle droghe – ed è solo quando ha deciso di ammettere la malattia che le cose per lei hanno iniziato a prendere una piega migliore. Negli ultimi anni sembrava fosse finalmente uscita da questo tunnel buio ma, a quanto pare, certe oscurità hanno deciso di bussare ancora una volta alla sua porta. Il giorno del suo funerale, se n’è andata anche la madre Debbie Reynolds: sopraffatta dal dolore, ha avuto un ictus che le è stato fatale.

Per sempre Leila

E pensare che Debbie Reynolds non ha parlato alla figlia per diverso tempo quando ha deciso di interpretare la principessa Leila in Star Wars: secondo l’attrice il film sarebbe stato un flop e avrebbe segnato negativamente la carriera della figlia. Se la pellicola è stata un gran successo, è anche vero che Carrie Fisher in futuro è rimasta relegata a quel ruolo, avendo molta difficoltà a ottenere parti principali in altre produzioni cinematografiche. Con il ritorno di Star Wars era tornata anche lei, ma purtroppo Gli Ultimi Jedi sono l’ultima pellicola in cui potremmo godere del coraggio della principessa Leila. E dopo la scomparsa di Han Solo, un capitolo fondamentale della saga più amata di tutti i tempi si conclude definitivamente.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky