Caricamento in corso...
23 ottobre 2017

Chris Hemsworth: "Stavo quasi per rinunciare al ruolo di Thor"

print-icon
Chris Hemsworth: "Stavo quasi per rinunciare al ruolo di Thor"

Ci è mancato solo un soffio: Chris Hemsworth era a tanto così dal rifiutare il ruolo di Thor nella celebre saga Marvel che ci ha fatto innamorare del suo straordinario personaggio. E di lui, ovviamente. Avete capito bene: l’attore stava per dire di no alla parte del protagonista in un franchise multi-miliardario. La domanda, dunque, sorge spontanea: perché?!

Chris Hemsworth stava per rinunciare al ruolo di Thor nella famosissima saga Marvel che lo avrebbe reso una star, e uno dei protagonisti indiscussi del panorama hollywoodiano degli ultimi anni. Il motivo di questa pazza idea che gli era balenata in mente? Lo ha spiegato nella sua ultima intervista.

Chris Hemsoworth stava per non essere Thor

Nel corso della sua più recente intervista con il The Sun Herald, l’attore australiano di 34 anni Chris Hemsworth ha rivelato che stava per salutare per sempre la popolarità e scartare il ruolo di Thor. Il motivo scatenante? Molto semplice: dopo aver ottenuto la parte gli era stato detto che, firmando il contratto, avrebbe dovuto impegnarsi per ben sei film di seguito. Un obiettivo non da poco. «Ero un po’ sul chi vive, nel senso che wow, sono davvero un sacco di film tutti assieme quelli per cui stavo firmando. Mi era venuto in mente che, forse, avrei dovuto rifiutare,» racconta Chris Hemworth con molta sincerità. Lui, che adesso vive a Byron Bay, si era fermamente convinto che poteva trattarsi di una trappola. Con il senno di poi, invece, attribuisce quella sensazione di dubbio al fatto che davanti a lui c’era una promessa “troppo bella per essere vera”. Fortunatamente, Chris ha seguito il suo cuore e adesso lo possiamo ammirare nei panni di Thor, tutto agghindato di muscoli e armature mozzafiato. Nel 2011, il primo film del supereroe Marvel ha totalizzato 5.8 milioni di incassi solo in Australia. Il secondo, invece di milioni ne ha totalizzati 700, e nel frattempo la fama di Chris Hemsworth è lentamente ascesa al firmamento. Prima di essere un eroe, però, la strada dell’attore è stata costellata da tante piccole difficoltà che non riesce ancora a togliersi dalla testa. Dopo aver lasciato definitivamente la soap opera in cui recitava all’inizio, nel 2007, Chris si è trasferito a Hollywood per inseguire il suo sogno. Ma non è stato sempre tutto facile.

La scalata verso il successo

Trasferirsi a Hollywood è una decisione che si prende per inseguire un sogno, ma sono davvero pochi quelli che possono dire di avercela fatta e ricordare, quasi con nostalgia, i vecchi tempi in cui non si aveva nemmeno i soldi per piangere. «Ho avuto un periodo lungo 12 mesi durante il quale, qualsiasi audizione io facessi, venivo rifiutato. Ho iniziato a diventare sempre più nervoso, sempre più nervoso, e alla fine sono arrivato a chiedermi: ma che sto facendo? Voglio davvero continuare su questa strada? Stavo cercando di convincerci, in qualche modo, che questo non fosse davvero il mio sogno, in modo che qualora avessi fallito non avrei sofferto così tanto». E adesso, riguardando quel brutto passato, Chris può invece tirare un bel sospiro di sollievo. Nel frattempo, il suo “progetto Marvel” è arrivato al terzo step, e a breve uscirà nelle sale l’attesissimo “Thor: Ragnarok”.

IL MEGLIO DI SKY CINE NEWS

Tutti i siti Sky