Oscar 2018: ecco la shortlist dei 20 film per gli effetti speciali

Wonder Woman, Dunkirk, Blade Runner 2049. Star Wars: The Last Jedi, La Bella e la Bestia, Justice League. Sono venti i film contenuti nella shortlist diffusa dall’Academy e che sono in lizza per la nomination agli Oscar 2018.

Il 4 marzo 2018 si terrà la cerimonia degli Oscar: ecco la shortlist dei film candidati alla nomination per la categoria dei migliori effetti speciali.

La lista dell’Academy

Sono cinque i film che otterranno la nomination nella categoria Migliori effetti speciali agli Oscar 2018, e intanto l’Academy ha pubblicato la shortlist dei venti titoli candidati a entrare nella rosa dei prescelti. A dicembre le pellicole saranno ridotte a dieci, e il 23 gennaio sarà diffusa la lista definitiva redatta dalla giuria. Per adesso i film in gara per la statuetta sono: Alien: Covenant, La bella e la bestia, Blade Runner 2049, Dunkirk, Ghost in the Shell, Guardiani della Galassia Vol. 2, Jumanji - Benvenuti nella giungla, Justice League, Kong: Skull Island, Life, Logan, Ojka, Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar, The Shape of Water, Spider-Man Homecoming, Star Wars: Gli Ultimi Jedi, Thor: Ragnarok, Valerian e la città dei mille pianeti, The War - Il pianeta delle scimmie e Wonder Woman. Venti film incredibili, ma solo cinque di questi riceveranno l’ambita nomination agli Oscar 2018. Chi vincerà?

Film molto discussi

Tutti i film della shortlist indicata dall’Academy, sono prodotti che hanno fatto molto discutere. Tutti dotati di effetti speciali incredibili, alcuni non hanno ottenuto però il successo sperato. L’esempio lampante è Justice League, pellicola della DC Comics che non ha sbancato il botteghino come ci si attendeva. Anche il quinto capitolo di Pirati dei Caraibi non ha avuto una buona accoglienza: se i primi quattro film della saga sono stati una mossa vincente, l’ultima fatica della Disney ha avuto un saluto tiepido da parte del pubblico, che ha trovato la narrazione lenta e non all’altezza delle storie precedenti. Blade Runner 2049 è stato uno dei film più attesi del 2018, ma la seconda parte con Ryan Gosling ha ricevuto molte critiche. Il motivo? Voler scimmiottare la vecchia pellicola con Harrison Ford, una delle migliori nella storia del cinema. Dunkirk, nuova fatica di Christopher Nolan, è una delle migliori novità che siano state proposte: cupo, angosciante e pieno di suspense, è riuscito nell’intento di stupire gli spettatori – e di regalare al pubblico giovane una magnifica interpretazione di Harry Styles, ex One Direction che si è cimentato per la prima volta con la recitazione. Wonder Woman è andato molto bene, sia come botteghino sia come accoglienza: ma ce la farà contro l’ultimo capitolo della saga di Star Wars? Sono molti gli interrogativi che le persone si stanno ponendo, ma solo l’Academy sarà in grado di rispondere: e per sapere tutto, bisognerà attendere il 23 gennaio.

L’affaire Harvey Weinstein

Nelle ultime settimane l’Academy è stata al centro dell’attenzione mediatica a causa di Harvey Weinstein, il regista implicato negli scandali sessuali di Hollywood. Membro della giuria da diversi anni, è stato espulso dopo una riunione interna, che ha decretato il suo allontanamento. Sono in molti ad attendere i discorsi degli attori che riceveranno l’ambito Oscar: l’ex capo della Miramax Films sarà al centro delle loro denunce, oppure ignoreranno la faccenda? In genere la cerimonia è politicamente e socialmente polemica, ma lo scorso anno - ad esempio - sono scarseggiati gli attacchi contro Donald Trump. Chissà che non accada lo stesso nei confronti di Harvey Weinstein.

Copyright © 2013 Sky Italia - P.IVA 04619241005