Marco D'Amore: per Roberto Saviano è il miglior attore europeo

Dopo l’emozionante finale di Gomorra – La serie, Roberto Saviano ha fatto i complimenti a tutta la produzione al cast, soffermandosi sul personaggio di Ciro Di Marzio, interpretato da Marco D’Amore, che lo scrittore considera tra i migliori attori europei della sua generazione.

Abbiamo tutti guardato col fiato sospeso le ultime e avvincenti puntate della terza stagione di Gomorra ma c’è uno spettatore d’eccezione che, a seguito dell’epilogo delle vicende, ha voluto commentare il lavoro svolto dagli attori: Roberto Saviano, autore del romanzo da cui è stata tratta la serie.

Il messaggio di Saviano per il suo gemello

Lo scrittore, coinvolto in prima persona nel soggetto e nella sceneggiatura della serie, fin dalla prima stagione, ha ringraziato sui social tutti coloro che hanno contribuito al successo di Gomorra. Dopo aver espresso la propria riconoscenza e gratitudine al pubblico, per essere stato sempre numeroso e caloroso: «Anche quest'anno i risultati sono stati incredibili. E tutto grazie al talento degli attori, alla professionalità dei registi, degli sceneggiatori e di tutta la troupe, al coraggio della produzione che ha sempre creduto in questa serie anche contro ogni bieca polemica». Non solo, Saviano ringrazia i colleghi con cui ha scritto le sceneggiature, i registi Claudio Cupellini e Francesca Comencini e poi gli attori, uno su tutti, Marco D’Amore: «Felice che da Gomorra – La serie sia nato un attore che considero tra i migliori attori europei della sua generazione. Talento unico. Grazie al mio gemello». Lo scrittore fa riferimento alla somiglianza fisica con l’interprete di Ciro Di Marzio, protagonista fin dalla prima puntata della prima serie e personaggio amatissimo dal pubblico. Tanto che a molti non è andata giù la decisione della produzione di far morire il personaggio, in una delle scene più intense ed emozionanti di tutte e tre le stagioni. Non sappiamo se le proteste dei fan della serie saranno ascoltate dagli sceneggiatori, che sono già al lavoro sulla quarta stagione, quello che sappiamo è che Marco D’Amore è molto impegnato con la tournée teatrale e sta prendendo in considerazione nuovi ruoli.

Il ringraziamento agli attori che lasciano la serie

Nelle ultime due puntate di Gomorra 3 abbiamo visto morire ben 3 personaggi principali, che non vedremo nella quarta stagione: Giuseppe Avitabile, suocero di Genny Savastano, interpretato da Gianfranco Gallo, Scianel, interpretata da Cristina Donadio e, nell’ultimo, tragico finale, Ciro Di Marzio, l’Immortale, interpretato da D’Amore. Roberto Saviano spende parole di grande entusiasmo anche per la Donadio, attrice di teatro che ha saputo trasformarsi nella spietata Scianel. Su Instagram, lo scrittore scrive: «Ha il talento di imprimere sul suo volto l’anima dei ruoli che interpreta. Dolcissima o feroce, piena di grazia o greve. Felice che Gomorra - LaSerie abbia potuto contare sulla sua arte teatrale». Proprio questo il messaggio che ha voluto lanciare Saviano con i suoi post: sia Cristina Donadio che Marco D’Amore - ma anche molti altri protagonisti della serie - sono attori provenienti dal teatro e Gomorra non ha potuto che godere della bravura e della professionalità di artisti del loro calibro. Marco D’Amore ha voluto salutare i suoi fan con un video sulla propria pagina Facebook in cui interpreta un testo di Enzo Moscato, tratto da “Ragazze sole con qualche esperienza”, una preghiera laica in cui invita i camorristi a pentirsi. Perché, non dimentichiamolo, gli interpreti di Gomorra sono solo attori e non veri delinquenti.  

Copyright © 2013 Sky Italia - P.IVA 04619241005