di Floriana Ferrando

Taglia qua, cancella là e la star da copertina è servita. Che le foto delle celebrità fossero ritoccate già si sapeva, ma oggi più che mascherare qualche chilo di troppo o qualche antiestetica zampa di gallina intorno agli occhi, la bacchetta magica di Photoshop elimina in un batter d’occhio anche i tatuaggi.
Infatti, mentre qualche mese fa debuttava sul mercato la Barbie tatuata, sono sempre di più le case di moda che poco apprezzano i tatuaggi delle celebrità considerati talvolta poco eleganti, qualche volta non adatti al marchio. E anziché cercare una testimonial dalla pelle immacolata, preferiscono ricorrere a qualche trucco di grafica.

Prendiamo Scarlett Johansson. L’attrice americana sfoggia, fra gli altri (ne ha uno sul polso e uno su una caviglia), un tatuaggio colorato sull’avambraccio destro. Il disegno è magicamente scomparso nella campagna pubblicitaria di un cosmetico targato Dolce & Gabbana: quello scarabocchio sul braccio rendeva poco credibile l’atmosfera anni Venti in cui è stata immortalata la Johansson.

Stessa sorte per la modella brasiliana Isabeli Fontana e le sue ali d’angelo sul dorso. Nella campagna per la collezione estiva 2010 di Cesare Paciotti, l’art director ha provveduto a cancellarle accuratamente. Inoltre il disegno è stato eliminato anche dai cataloghi di Victoria Secret’s: che la nota marca di intimo attui una dura politica anti-tattoo è cosa nota, ma trattandosi di ali d’angelo – il look che dà alle sue testimonial durante gli eventi ufficiali - avrebbe potuto fare un’eccezione.
Da cartellino rosso anche la mezza luna che la brasiliana Alessandra Ambrosio esibisce sulla schiena.

Insomma, il tattoo un tempo tanto glamour non sembra fare rima con alta moda. E poco importa se il disegno è piccolo e discreto, come la mini fatina che la cantante Britney Spears sfoggia sulla parte bassa della schiena: la casa di moda Candie’s nella sua campagna del 2010 ha deciso di farne a meno, cancellando il disegno, insieme a qualche traccia di cellulite. Paradossale, però, come il tatuaggio della nuova testimonial del brand Lea Michele sia lasciato in bella vista. Evidentemente la parola ‘Imagine’ tatuata sulla pelle della modella regala una certa poesia allo spot pubblicitario.

Sulla copertina della rivista Grazia (edizione francese) ad essere censurati sono gli aforismi del filosofo Nietzsche che Megan Fox si è fatta incidere sulla parte destra del busto. Promosso a pieni voti, invece, Shakespeare con i suoi versi tatuati appena sotto il collo dell’attrice.

E ancora, Cintia Dicker, Kate Moss e Freja Beha Erichsen: nessuna riesce a spuntarla.
Pollice verso per i tatuaggi addirittura dall’anticonformista Playboy: la bella Lindsay Lohan ha posato senza veli. E anche senza tattoo.