Joaquin Lavado, noto come Quino e papà di Mafalda, è l'uomo del momento a Buenos Aires, visto che l'arguta bambina dei fumetti, nata dalla sua matita nel 1964, sarà immortalata in una statua, alta quasi un metro e con indosso un vestitino verde, che verrà il 30 agosto 2009 nella capitale argentina. Questa nuova Mafalda tridimensionale sorgerà nell'angolo tra le strade Defensa e Chile di San Telmo, uno dei quartieri più tradizionali e turistici di Buenos Aires, a due passi da una casa dove l'artista è vissuto da bambino. Quino, che vive tra l'Europa e l'Argentina, si trova a Buenos Aires proprio per partecipare all'inaugurazione, un tributo a un personaggio che continua a far ridere e riflettere in 26 lingue diverse ed è diventato un fenomeno che ha attraversato con successo più di una generazione. Nel ricordare di essere nato nella provincia di Mendoza "figlio di spagnoli e in un quartiere pieno di italiani", Quino non nasconde però il proprio orgoglio per essere stato scelto dalle autorità come il primo dei 200 argentini illustri che nei prossimi mesi saranno premiati in occasione del bicentenario della nascita dello Stato sudamericano. L'autore della statua è l'artista Pablo Irrgang, che ha ricoperto la piccola Mafalda con un materiale particolare per proteggere l'opera dal clima (visto che la statua sarà all'aria aperta) e da eventuali vandali: "Credo comunque -ha precisato lo scultore- che Mafalda possa ispirare solo buoni sentimenti".

Mafalda e la Primavera