di David Saltuari

Clicca qui per la fotogallery dei Muppet


Era il 10 novembre del 1969 quando andò per la prima volta in onda Sesam Street, un programma educativo per bambini, condotto da strani e buffi pupazzi animati da Jim Henson e dai suoi collaboratori. Erano nati i Muppets (unione semantica tra marionets e puppets, anche se l'etimologia del nome resta controversa). Il personaggio principale era (ed è tutt'oggi) Elmo, un pupazzo rosso grazie al quale i bambini americani imparavano i primi rudimenti di algebra e scrittura (qui, per esempio, viene cantata l'importanza della lettera C ). Pieno di mostri e di strambi animali che interagivano con gli umani e pieno, soprattutto, di bambini di ogni colore, Sesam Street divenne da subito un simbolo di integrazione e rispetto di ogni forma di diversità. Un elemento che gli costò la messa a bando nell'allora ancora segregazionista stato del Mississipi. Oggi, a quarant'anni di distanza, la città di New York ha deciso di celebrare l'evento intitolando una strada della città proprio a Sesame Street (qui le immagini)

Tra i personaggi secondari di Sesame Street si fece subito notare una rana verde e un po' ansiosa di nome Kermit. Pochi anni dopo sarebbe diventata il personaggio principale del Muppet Show, un programma indirizzato ad un pubblico un po' più cresciuto (ma neanche tanto) rispetto a Sesame Street. I due programmi andarono di pari passi fino al 1981 quando Jim Henson decise di chiudere il Muppett Show per dedicarsi ad altro, mentre Sesame Street, andando in onda ancora oggi, divenne il programma televisivo per l'infanzia più visto della storia. Il Muppet Show, però, riuscì a diffondersi per tutto il mondo, forgiando i gusti di più di una generazione

I programmisti di tutto il mondo, vedendo in modo superficiale un programma pieno di pupazzi, non si accorsero di piazzare i loro stessi figli davanti ad uno dei programmi più irriverenti e intelligenti mai realizzati. Con un gusto raffinatissimo e un senso dell'umorismo spericolato bambini su bambini vennero introdotti alle bellezze di Broadway, del musical, dello slapstick. All'oscuro dei genitori potere ascoltare artisti come Dizzy Gillespie, Charlez Aznavour o Gene Kelly. Le guest star dei Muppet, infatti, erano di un livello mai più visto in televisione.

Qui sotto, per esempio, si può vedere Miss Piggy che balla il secondo atto del Lago dei Cigni con Rudolf Nureyev, ospite dei quella puntata del Muppet Show



Oppure Dizzie Gillespie, una delle leggende del Jazz, cantare accompangato dalla Muppets Band



Forse pochi sanno che i Muppet, come pupazzi un po' buffi, apparvero per la prima volta nel 1969 al Ed Sullivan Show (il padre televisivo di David Letterman) cantando Mahna Mahna, un motivetto scritto dall'italiano Piero Umilano per il film softcore Svezia, paradiso e inferno (lì, accompagnava la celebre scena della sauna)



Al fianco della musica, uno degli elementi caratterizzanti dei Muppet Show era il loro umorismo fulminante e spietato, carico di sarcasmo. Campioni, in questo senso, erano Statler e Waldorf, i due vecchietti che concludevano ogni puntata con una battuta dal loro palco. Qui sotto una carrellata su quelle più celebri



Jim Henson è purtroppo morto nel 1990. E' riuscito, nella sua carriera, a insegnare ai bambini americani, il rispetto per gli altri e il vivere civile e lo ha fatto con canzoni colorate e tanto umorismo. Ha divertito grandi e piccini di tutto il mondo, convertendoli, involontariamente, al gusto per il musical, il jazz e insegnandoci ad avere occhio e rispetto per ogni forma d'arte. Ha lasciato un'impronta nel modo di fare cinema (Yoda, di Guerre Stellari, è, indirettamente, una sua creatura). Ha insomma, reso un po' più bello e decente il mondo della televisione e del cinema. E Sesame Street, la trasmissione da cui è iniziato tutto, continua ancora oggi. Qui sotto, da una delle puntate più recenti, Adam Sandler  dedica una canzone proprio a Emo.