di Floriana Ferrando

C’è quella per personalizzare le fotografie, quella che fa da personal shopper per una spesa intelligente e quella da usare come una vera e propria guida gastronomica. L’AppStore, il negozio online di Apple per iPhone, offre centinaia di migliaia di applicazioni per lo smartphone di ultima generazione, tanto che destreggiarsi fra tutte queste proposte diventa una vera impresa. Niente paura, giunge in aiuto il New York Times con la sua top ten delle App a cui non si può dire di no, da quelle più utili a quelle più bizzarre e divertenti.

Chi non riesce a togliersi dalla testa quel motivetto ascoltato alla radio, anziché cantarlo sotto la doccia lo intoni nel microfono dell’iPhone: SoundHound riconoscerà la canzone in un batter d’occhio, fornendo il link per ascoltarla su YouTube e visualizzarne il testo. Gli amanti della fotografia non possono fare a meno di Hipstamatic: bastano pochi passaggi per scattare autentiche foto d’autore. Il tutto con meno di un paio d’euro. Il programma riesce a correggere anche le foto da principianti con mano tremula e controluce grazie ad una serie di aggiustamenti automatici preimpostati.

Per un momento di spensieratezza c’è Angry Birds, uno dei giochi per iPhone più scaricati in assoluto, che vede battersi in una battaglia a colpi di uova esplosive un gruppo di maiali dispettosi e uno stormo di agguerriti pennuti. Se invece si vuol conquistare la ragazza dei propri sogni, niente di meglio che puntare sulle stelle: con l’applicazione Star Walk basta rivolgere il telefonino verso il cielo e grazie al GPS e a un sensore di movimento si saprà quali costellazioni si stanno ammirando. Per non parlare delle numerose informazioni sui pianeti e l’universo: un vero bignami di astronomia.

Urbanspoon
è perfetta per le buone forchette: si indica la città di riferimento, il tipo di cucina desiderata e il budget disponibile e il telefonino fornirà un elenco delle migliori scelte della zona. Unico neo: per il momento funziona solo negli Stati Uniti. Nello Stivale ci si può però affidare a Gambero Rosso, leader delle guide gastronomiche ora sbarcato anche sul telefonino Apple. Per conoscere invece le migliori offerte per fare la spesa, RedLaser è molto efficace. Il lettore di codice a barre, una volta riconosciuto il prodotto, indicherà i negozi con il prezzo più competitivo.

Un po' a sorpresa, niente Facebook, né Twitter in classifica. “Benché io li trovi indispensabili – spiega Bob Tedeschi, esperto di tecnologia del NYT e autore della lista – questi servizi non esistono solamente sui telefonini. Per far parte della mia Top 10 un’applicazione deve offrire un’esperienza che non puoi avere sul computer, qualcosa che consente allo smartphone stesso di dare il meglio di sé”.

Ecco così apparire nella lista Google, Firefox Home, EverNote (una sorta di blocco degli appunti che ospita anche file multimediali) e QuickOffice Mobile Suite (per leggere e modificare i propri documenti), applicazioni apparentemente scontate ma che in realtà qui offrono opzioni e strumenti del tutto nuovi. Prendiamo Google: la ricerca online è semplificata e può essere effettuata anche con un comando vocale che sfrutta il GPS fornendo i risultati più vicini a voi. Mentre con Firefox Home sembrerà di non essersi mai staccati dal proprio Pc: si sincronizza automaticamente, quindi se si sta leggendo un documento al computer e si deve uscire per un appuntamento, si potrà continuare a consultare lo stesso contenuto anche sul telefonino. Insomma, la vita è più facile con l’iPhone.