Guarda la fotogallery degli scatti storici del calendario Pirelli
Guarda l'album dei Calendari 2011


Il mito di Karl Lagerfeld rivive nel calendario 2011 di Pirelli, e la civiltà classica riprende forma negli scatti in bianco e nero che il famoso fotografo tedesco ha "scolpito" nella bellezza dei corpi attraverso il forte contrasto cromatico e nell'uso sapiente delle luci. Dopo la Cina immortalata da Demarchelier nell'edizione 2008, il Botswana ritratto da Peter Beard nel 2009 e il Brasile di Richardson per il 2010, per il "The Cal" 2011 la "Mythology" e' stata così' affidata alle 36 immagini di leggende e miti greco-romani presentati in anteprima mondiale nella capitale russa. Sono 21 i protagonisti di questa edizione: 15 modelle, 5 modelli per il racconto dell'origine dell'uomo e del mondo attraverso le avventure di dei e dee, eroi ed eroine.

Prendono così forma i miti di Era, moglie di Zeus, impersonata da Julianne Moore, di Apollo (Baptiste Giabiconi), l'eroismo di Castore e Polluce e l'ambiguità di Narciso ed Eco nonché il coraggio di Achille e la poesia intramontabile di Orfeo ed Euridice. "La modernità della mitologia è nell'amore per la giovinezza, nel culto del corso, ll'accettazione del desiderio senza punizione divina e nell'omaggio permanente reso alla Natura", ha commentato Lagerfeld. Lo stilista ha spiegato la scelta del fondo nero ("valorizza il nudo"), del bianco e nero ("e' rinfrescante") e della passione per la semplicità: "Quello che mi piaceva dei miti greci è che non hanno bisogno di eccitarsi con calze a rete e pizzi,è carnale e senza fronzoli".

Si compie così un viaggio a ritroso nel tempo attraverso il linguaggio universale della fotografia, portandoci fino alle radici della civiltà classica. "E' stata per noi una straordinaria opportunità", ha detto alla presentazione Marco Tronchetti Provera, presidente della multinazionale italiana, parlando a proposito della collaborazione di Lagerfeld, che ha compiuto la sua "opera" in appena 2 giorni e mezzo. Una delle novità è che in questa edizione non manca l'elemento maschile: il divino nudo rivive nelle immagini di figure mitologiche, senza tempo.

Guarda il servizio di Sky Tg24 :