di Camilla Sernagiotto

Il countdown è quasi terminato, manca pochissimo allo scoccare della mezzanotte della Vigilia di Natale e... c’è ancora chi non ha nemmeno un pacchetto pronto!

Per tutti i ritardatari, per gli amanti del rischio e dell’adrenalina dell’ultimo minuto, anche per coloro che avrebbero voluto i pacchetti già pronti a maggio per tirarli fuori di questi tempi ma evidentemente non ce l’hanno fatta, niente panico: di tempo ce ne è ancora, però è da spendere bene...

E per ottimizzare le ore e i minuti che ci separano dal panettone natalizio, ecco qualche spunto per cesti da confezionare alla velocità della luce.

Si sa, un libro è per sempre, molto più di un diamante; l’idea più originale è quella di buttarsi sulla letteratura, abbinando un romanzo ad un accessorio a tema.

Dalle accoppiate La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano e una boccetta di Chanel n. 5 a Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer e la lampada ultra pop firmata Pylones, le combinazioni creative faranno sorridere e divertire chi aprirà il pacchetto.

Ce n'è per tutte le tasche, basta scegliere l’abbinamento più consono alla propria: ad esempio Acciaio di Silvia Avallone potrà essere associato sia ad un mestolo da cucina in acciaio inox sia ai gioielli della collezione Steel griffata Guess.

Stessa cosa per L’eleganza del riccio di Muriel Barbery: da abbinare a un balsamo per capelli crespi se si tratta di un pensierino, oppure da corredare di ferro conico professionale per ricci perfetti nel caso si voglia fare un figurone.

E una volta depennati tutti i nomi dalla vostra lista dei regali, concedetevi anche voi qualche buon libro per rilassarvi.

Almeno fino a Pasqua...