Giarda la FOTOGALLERY

di Camilla Sernagiotto


Per le stelle di Hollywood avere in casa una tavola da surf non significa soltanto aver vinto un Teen Choice Award!

Le Star californiane hanno un’unica grande passione che va a braccetto con le loro automobili decappottabili targate Los Angeles: il surf

Non sei degno di esser nato in California se prima di gattonare non hai imparato a surfare, questo almeno è ciò che credono fermamente i fortunati che sono venuti alla luce a due passi dall’oceano.

E se questa legge vale per tutta la contea di Los Angeles, significa che anche Hollywood la deve rispettare.

Ma se esiste una regola che le Star, sregolate e disubbidienti per definizione, amano seguire alla lettera, questa è proprio quella del surf: da Sean Penn ad Ashton Kutcher, non c’è divo a stelle e strisce che si tiri indietro di fronte a un’onda da cavalcare!

Che sia lunedì, martedì o il proverbiale mercoledì da leoni, appena lasciato il set l’attore ama rilassarsi proprio così: a cavalcioni di una tavola mentre cerca di dominare l’oceano.

E se per alcuni è un gioco da ragazzi, parola di Matthew McConaughey e Anthony Kiedis (alias il cantante dei Red Hot Chili Peppers), per altri equivale a camminare sulle acque: non solo risulta difficilissimo stare in piedi, ma a tratti… miracoloso!

È per questo che molti V.I.P. hanno scelto una variante del surf meno impegnativa (e meno cool), ovvero la tavola da governare a colpi di pagaia.

Onde evitare di farsi paparazzare durante una rovinosa caduta e di offrire ai magazine di mezzo mondo figuracce da prima copertina, le varie Jennifer Aniston e Kate Hudson hanno optato per un passatempo più rilassante e meno adrenalinico.

Ma non è stata una scelta solo delle donzelle: anche omoni come Pierce Brsnan, Matt Damon ed Eddie Vedder preferiscono una tavola più… da passeggio.

Così come il surf vero e proprio non è riservato solo ai più duri, anzi: anche Cameron Diaz, Minnie Driver e Pink sanno farsi valere sulla tavola, tanto da aggiungere al calendario dei divi più temerari un mercoledì da leonesse, oltre che da leoni…