Mostrami i tacchi: scopri i modelli preferiti dalle star


di Barbara Ferrara

“Non so chi abbia inventato le scarpe con i tacchi alti, ma tutti gli uomini gli devono molto”, parola di Marilyn Monroe, maestra assoluta di seduzione. E come darle torto? Ogni donna vorrebbe avere la capacità e la grazia di ancheggiare su tacchi vertiginosi come solo lei sapeva fare. Così come ogni uomo perderebbe volentieri la testa per una donna che sappia destreggiarsi sui trampoli.

Chi dice tacco dice donna. E poco importa che sia a spillo o tempestato di strass, a cuneo o a puntale, a stiletto o a virgola, l’importante è portarlo e saperlo portare. E se le star li sfoggiano sul red carpet,  le comuni mortali a cena fuori se non addirittura al supermercato da vere e proprie high-heels-addicted. Per non parlare di chi, come Federica Pellegrini, ha dichiarato che il suo sogno erotico segreto è fare sesso sui tacchi a spillo negli spogliatoi.

Oggetti del desiderio e di culto, amati e odiati i tacchi sono sinonimo di femminilità e di eleganza e hanno secoli e secoli di storia alle spalle. Senza contare che a portarle, un tempo, erano anche gli uomini e non certo per vezzo ma per tener salde le staffe dei cavalli e non sporcarsi i piedi col sangue delle bestie uccise.

Fin dal loro esordio le scarpe col tacco hanno avuto un successo strepitoso e da vero e proprio strumento di tortura sono diventate un irrinunciabile status symbol. Da Jimmi Choo a Christian Louboutin, da Ferragamo a Sergio Rossi fino a Cesare Paciotti, per citarne solo alcuni, gli stilisti fanno a gara per calzare su misura le grandi dive, da Sophia Loren a Sharon Stone, da Dita Von Teese a Madonna.

L’ebbrezza di camminare dodici centimetri più vicine al cielo è un vero e proprio modo di essere, per altre un sogno. Per gli uomini quest’altitudine può tradursi in feticismo. In rete i siti dedicati al culto dei piedi spopolano. Sulle passerelle e nelle vetrine dei negozi i tacchi sono un must. E così come un armadio è vuoto senza un tubino nero alla Audrey, una scarpiera senza décolléte, non è una scarpiera.



L'uomo che amava le donne di Francois Truffaut: guarda il video